mercoledì 21 febbraio 2018

Dopo la strage in Florida/5d. Perché l'alt-right punta solo sui giovani

Un lungo saggio di Intelligence Report, la testata dell'Southern Povertry Law Center, sulla vocazione omicida di numerosi simpatizzanti dell'alt-right americana è stato pubblicato prima della strage del liceo in Florida, scatenata da un giovane suprematista bianco disturbato e non adeguatamente controllato dai federali, messi in guardia sin dal 5 gennaio sulla sua potenziale pericolosità. Il SPLC è la principale organizzazione afroamericana per i diritti civili. Questo è il secondo capitolo del saggio
Qui puoi leggere il capitolo 1 
Qui puoi leggere il capitolo 2 
Qui puoi leggere il capitolo 3


Il militante dell'alt-right non fa alcun tentativo di nascondere le sue aspirazioni al reclutamento di giovani bianchi. "Il nostro target di riferimento sono i maschi bianchi di età compresa tra 10 e 30 anni", ha scritto Anglin (nella foto) nel suo "PSA: quando l'Alt-Right trova la strada, tu vorrai essere pronto." "Includo i bambini di dieci anni, perché uno degli elementi è che vogliamo sembrare dei supereroi. Vogliamo essere qualcosa di cui i ragazzi fantasticano di far parte. Questo è un elemento centrale. Non includo uomini di età superiore ai 30 anni, perché dopo quel punto, sei in gran parte fissato nei tuoi pensieri. Raggiungeremo certamente alcuni uomini più anziani, ma non dovrebbero essere un punto focale ". Dai propagandisti più artificiosi, come Anglin, che si affidano a messaggi razzisti così abominevoli e violenti da essere scambiati per iperbole, a messaggeri più raffinati come Richard Spencer che stanno ancora lottando per legittimare la loro finzione pseudo-intellettuale l'obiettivo è lo stesso: la gioventù. "Le persone al college sono a un punto della loro vita in cui sono effettivamente aperte a prospettive alternative, nel bene e nel male", ha detto Spencer a Mother Jones nel dicembre 2016 prima di un controverso confronto linguistico alla Texas A & M University. "Penso che tu abbia bisogno di prenderli mentre sono giovani. Penso che ricablare i neuroni di qualcuno sopra i 50 sia effettivamente impossibile". Innegabilmente, i loro sforzi hanno avuto successo. Le conferenze razziste, come i raduni annuali del Rinascimento americano e il National Policy Institute, attirano un pubblico più vasto, non più dominato dalla loro singolare demografia di uomini bianchi di mezza età. In un panel alla Harvard University di ottobre, Derek Black, figlio del suprematista bianco di lunga data Don Black, che una volta rappresentava il futuro del movimento fino a quando ha rinunciato al razzismo durante il college, ha descritto la sua sorpresa nel vedere tanti giovani partecipanti a Charlottesville:

Posso dire di certo che in tutta la mia vita nel nazionalismo bianco sono andato alle conferenze molte volte all'anno. Ho parlato con loro. Ho provato a organizzarli. Ho organizzato online attraverso il sito di mio padre [Stormfront] attraverso le organizzazioni sia di Amren che di Jared [Taylor] o di David [Duke] o di Cittadini conservatori ... Ognuno di queste cose ha i capelli grigi. Io e altre due persone saremmo sotto i 40 anni. Era così. Questo è in parte il motivo per cui ho avuto questa impressione che questo non durerà. E molto di questo perché i giovani hanno molto da perdere ... I giovani che partecipano a una manifestazione del genere stanno per mettere in mostra le loro identità online e quindi sarà difficile per loro trovare un lavoro ... Non so spiegare cosa è cambiato. L'unica cosa che colpisce di Charlottesville ... era che c'erano un sacco di ragazzini come studenti universitari che salivano sugli autobus e andavano a questo evento. Gruppi di estrema destra come Identity Evropa e Vanguard America si stanno pubblicizzando esclusivamente tra gli studenti del college e delle scuole superiori. Oltre alla Texas AM University, Spencer ha parlato alla Auburn University nell'aprile 2017, dopo aver presentato con successo una mozione alla corte federale per ribaltare la decisione dell'università di annullare l'evento. Tre sono stati arrestati per condotta disordinata, mentre i manifestanti antifascisti si sono scontrati con i sostenitori di Spencer fuori dall'evento. Poi, il 19 ottobre, appena due mesi dopo il caos di Charlottesville, l'Università della Florida fu costretta a ospitare un evento con Spencer sotto la minaccia di una causa legale. L'Università ha stimato di aver speso $ 600.000 per la sicurezza di un evento, in cui un Spencer visibilmente frustrato ha tentato di parlare in un auditorium dominato dai manifestanti.

Durante la parte Domande e Risposte dell'evento, uno studente dell'Università della Florida ha chiesto a Spencer di assumersi la responsabilità della violenza che le sue parole hanno ispirato tra i sostenitori. Spencer ha negato categoricamente ogni connessione, ha continuato a mettere in dubbio le circostanze della morte di Heather Heyer all'evento Unite the Right e ha invece chiesto giustizia per il suo assassino sotto accusa. Ore dopo, tre dei suoi sostenitori sono stati arrestati per tentato omicidio dopo un presunto confronto con i manifestanti in cui i sostenitori di Spencer hanno tirato fuori le armi e uno ha sparato un colpo, esortato dai suoi complici. Tutti e tre erano presenti alla vigilia dell'evento. Con l'aiuto del suo procuratore, Cameron Padgett, uno studente laureato alla Georgia State University, e l'avvocato nazionalista bianco, Kyle Bristow, della Fondazione per il mercato delle idee, Spencer sta progettando eventi futuri in numerose Università Questi eventi consentono a Spencer di parlare direttamente con giovani, potenziali reclute e tendono a essere controverse e facili opportunità per una diffusa copertura della stampa. Oltre ai discorsi pubblici, i campus universitari sono diventati gli obiettivi preferiti delle campagne di attacchinaggio di adesivi di alt-right. Queste campagne tipicamente anonime rappresentano un'opportunità a basso rischio per i nuovi aderenti di guadagnare attenzione e legami con i loro colleghi razzisti offline, una lotta perenne affrontata dai nazionalisti bianchi che sono timidi quando si tratta di pubblicizzare le loro convinzioni pubblicamente. Nel 2016, ci sono stati almeno 125 episodi di attacchinaggio di adesivi nei campus universitari degli Stati Uniti. Nel 2017 quasi 300.

0 commenti:

Posta un commento