martedì 20 febbraio 2018

Dopo la strage in Florida/5c. Il profilo del killer di massa: giovani bianchi arrabbiati

Un lungo saggio di Intelligence Report, la testata dell'Southern Povertry Law Center, sulla vocazione omicida di numerosi simpatizzanti dell'alt-right americana è stato pubblicato prima della strage del liceo in Florida, scatenata da un giovane suprematista bianco disturbato e non adeguatamente controllato dai federali, messi in guardia sin dal 5 gennaio sulla sua potenziale pericolosità. Il SPLC è la principale organizzazione afroamericana per i diritti civili. Questo è il secondo capitolo del saggio
Qui puoi leggere il capitolo 1 
Qui puoi leggere il capitolo 2 

La propaganda di estrema destra è progettata  intenzionalmente per promuovere sentimenti di risentimento, ingiustizia e animosità, in particolare contro quelle che sono considerate minacce alla "civiltà occidentale" - altrimenti conosciute come persone di colore, immigranti e altre comunità emarginate. L'alt-right sta dando a una  popolazione crescente di giovani uomini bianchi e offesi una visione del mondo che gli esperti trovano pronta per la violenza. L'esternalizzazione della colpa per le circostanze deludenti nella propria vita - e in particolare il suo scaricamento sulle comunità minoritarie - è uno dei numerosi indicatori di violenza di massa.
ISecondo il dott. Eric Madfis, autore di un saggio del 2014 sulle identità intersezionali degli assassini di massa americani, maschi giovani, bianchi, borghesi e eterosessuali commettono omicidi di massa a un tasso sproporzionatamente alto rispetto alle dimensioni della loro popolazione negli Stati Uniti. Il tasso di omicidi di massa è aumentato negli anni '70 e '90. Tra il 1966 e il 1999, ci sono stati 95 casi di sparatorie pubbliche di massa. Tra il 1976 e il 2008, gli omicidi di massa si sono verificati all'incirca due volte al mese. Uno studio più recente pubblicato da Mother Jones identifica 95 sparatorie di massa negli Stati Uniti dal 1982. Di queste, 55 (59%) sono state commesse da uomini bianchi. I dati sul crimine dell'FBI suggeriscono che tra i 16 e i 24 anni c'è il momento di punta per i crimini violenti.

Secondo il dott. Pete Simi, direttore del Earl Babbie Research Center della Chapman University, "questo è un periodo di transizione sostanziale nella vita di un individuo, quando è meno probabile che abbia attaccamenti significativi che lo scoraggino dalla criminalità ". Il documento di Madfis nel 2014 per l'Università di Washington indaga sul ruolo delle identità intersezionali negli omicidi di massa e sostiene che la sola mobilità sociale discendente dei giovani maschi bianchi, in relazione alle loro aspettative, spiega la loro sovrarappresentazione come autori di omicidi di massa.
Il tipico assassino di massa di oggi non è semplicemente un uomo bianco con tutte le trappole dell'orgoglio e dei privilegi concessi nel contesto del genere e delle relazioni razziali negli Stati Uniti. La sua identità razziale bianca privilegiata non lo salva necessariamente dal ridotto status socioeconomico della mobilità verso il basso, né il suo genere maschile privilegiato garantisce il dominio della mascolinità egemonica sugli altri. In realtà, sono proprio i diritti della sua razza e del suo genere che rendono ogni successiva battaglia e fallimento del corso della vita tanto più inaspettato, e quindi tanto più doloroso e umiliante. Madfis sottolinea inoltre che i maschi bianchi privilegiati sono spesso i meno equipaggiati per affrontare insuccessi imprevisti nella vita. La mancanza di esperienza nel fallimento a causa del relativo privilegio lascia i giovani maschi bianchi e della classe media impreparati ad affrontare difficoltà o perdite nella vita.
Solo uno su cinque assassini di massa è "probabilmente psicotico o delirante", tuttavia, secondo il dott. Michael Stone, uno psichiatra forense della Columbia University. Molti sono "collezionisti di ferite", un termine coniato dall'ex agente dell'FBI Joe Navarro per descrivere "individui che fanno di tutto per raccogliere accuse sociali, lagnanze storiche, ingiustizie, trattamenti ingiusti o disparati - sia reali che immaginari". "Si crogiolano nelle trasgressioni reali o spesso percepite degli altri e permettono ai sentimenti di animosità e vendetta di percolare e schiumare in superficie con la loro cura costante e attenta di quelle ferite percepite", spiega Navarro. "Come puoi immaginare, in un mondo imperfetto dove ci sono vere e proprie ingiustizie, in cui le persone commettono errori e le cose stupide sono dette e fatte, il collezionista di ferite non deve mai andare lontano per sentirsi vittima".
J. Reid Meloy, uno psicologo forense che ha lavorato con l'FBI, usa un termine simile: "collezionisti di ingiustizie" - notando che queste lamentele cumulative sono spesso attribuite a una persona o a un gruppo. "Se hai questa vena paranoica, questa vigilanza, questa sensazione che altri ti perseguitino da anni, c'è un accumulo di maltrattamenti e un'intensa voglia di fermare quella persecuzione", ha detto Meloy al New York Times. Uno studio del 2001 condotto da Meloy che esamina 34 adolescenti autori di omicidi di massa ha rilevato che il 59% era il risultato diretto di un evento scatenante. Questo tasso è balzato al 90% tra gli omicidi di massa per adulti. La dottoressa Elliott Leyton, esperta di omicidi seriali, sostiene che gli assassini di massa contemporanei spesso prendono di mira la fonte percepita di perdita di stabilità finanziaria o di prestigio di classe.
L'alt-right, che svolge la sua missione in termini di sopravvivenza letterale dell'estinzione, lamenta di routine il cosiddetto razzismo inverso e l'azione affermativa, nonché l'immigrazione in tutte le sue forme. Le lamentele raccolte da coloro che sono motivati ​​dall'ideologia nazionalista bianca nel cuore dell'alt-right spesso non iniziano con la propaganda razzista, ma piuttosto nelle comunità tossiche del movimento per i diritti degli uomini. Guidati da ideologie distinte, lo stile di lamentele nutrito dai diritti degli uomini e dalle comunità nazionaliste bianche sono similmente costruiti attorno a un gruppo privilegiato minacciato dalla mobilità sociale visibile di coloro che erano precedentemente oppressi (donne e minoranze, rispettivamente). Il continuo aumento dei social media ha solo infiammato questa tensione.
"I neofascisti trattano questi siti web [di diritti degli uomini] come luoghi di reclutamento, trovano giovani e maschi infuriati e frustrati nella propria immagine", ha osservato Abi Wilkinson in The Guardian subito dopo le elezioni presidenziali del 2016. "La comunità sembra essere in gran parte bianca, ed è evidente perché la razza arriva molto spesso, a volte sotto forma di una sorta di pseudo-scienza razziale che sostiene l'uso per spiegare le dinamiche delle relazioni eterosessuali. - che gli uomini di colore stanno "prendendo le nostre donne" - è fatto regolarmente, le insulse idee razziste sono buttate qua e là casualmente: sembra esserci una significativa sovrapposizione con la supremazia bianca organizzata".
La percezione dello stato perduto, dell'eredità rubata e di risentimenti analoghi, prolifera in un'epoca in cui i social media possono essere messi a punto da un individuo recentemente danneggiato per accelerare la raccolta delle ferite. I membri dei creatori di contenuti prolifici e di estrema destra con una strategia di disseminazione propagandistica semi-sofisticata - descritta con la massima precisione come caos gestito - hanno riconosciuto presto il potenziale dei social media e stanno raccogliendo i frutti. Lo studio UW afferma inoltre che "l'esecuzione di un massacro violento offre un'opportunità illegittima per gli uomini bianchi autorizzati a riconquistare lo status perduto e forgiare un'influenza maschile potente e di successo attraverso l'infamia". I social media possono esacerbare questa motivazione storica dietro gli omicidi di massa, secondo lo scienziato forense Dr. Reid Meloy: "Ora abbiamo un setting, un setting culturale e sociale, dove il tuo atto di omicidio multiplo sarà conosciuto a livello internazionale in pochi istanti".

0 commenti:

Posta un commento