Il movimento boogaloo è avvantaggiato dalle norme federali sul terrorismo - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

lunedì 14 settembre 2020

Il movimento boogaloo è avvantaggiato dalle norme federali sul terrorismo

 


Nei giorni scorsi, una discussione in margine agli omicidi di Kenosha, di Portland e di Lacey si è focalizzata sulla natura del movimento boogaloo, un grande serbatoio da cui si diramano molte delle trame antigovernative degli ultimi mesi. Qualcuno contestava la mia classificazione di "estrema destra antigovernativa". Catalogazione invece sostenuta da Jon Lewis, ricercatore del Programma sull'Estremismo della George Washington University. In un "paper" sul "Ripensare le leggi sul terrorismo interno dopo gli attacchi del Movimento boogaloo" lo studioso sottolinea come la mancanza di una norma specifica federale sul "terrorismo interno" abbia rappresentato un forte vantaggio per queste frange eversive. Riporto il testo quasi integralmente, omettendo soltanto i passaggi specifici sulla questioni "giuridiche".

Il 29 maggio, due ufficiali del servizio di protezione federale sono stati presi a fucilati fuori dall'edificio federale e dal tribunale degli Stati Uniti a Oakland, in California. Diversi giorni dopo, il presunto autore, Steven Carrillo, avrebbe sparato a due vicesceriffi che stavano indagando sul furgone utilizzato nell'attacco iniziale. Prima che Carrillo fosse infine arrestato, ha rubato un veicolo e ha usato il suo stesso sangue da una ferita da arma da fuoco per scrivere diverse frasi, tra cui "Boog", sul cofano del veicolo. Il giorno dopo la sparatoria, il segretario del Dipartimento per la sicurezza interna Ken Cuccinelli ha affermato che "[quando] qualcuno prende di mira un poliziotto o una stazione di polizia con l'intenzione di fare del male e intimidire, è un atto di terrorismo domestico".

Steven Carrillo è stato infine accusato dell'omicidio e tentato omicidio dei due ufficiali, mentre il suo complice alla guida del furgone, Robert Justus, deve rispondere di favoreggiamento. L'accusa sostiene che i report di Facebook forniti al governo mostrano che Carrillo, Justus e altri stavano "discutendo un piano per recarsi a Oakland e attaccare le forze dell'ordine federali". Il governo sostiene che, in seguito a questa discussione, Carrillo e Justus hanno guidato un furgone fino al tribunale federale e "hanno aperto il fuoco su due guardie con un fucile d'assalto". Dopo l'arresto di Carrillo, le forze dell'ordine hanno recuperato un AR-15 silenziato, fabbricato privatamente e modificato per sparare raffiche di 2-3 colpi. Per l'analisi balistica è l'arma usata a Oakland.



Questo episodio, unito ai numerosi “complotti” interrotti di esponenti "boogaloo", ha aumentato la copertura mediatica su ogni aspetto del movimento - dal significato della parola, a ispirazioni e ideologie dei seguaci, fino alla scelta di indossare camicie hawaiane. Tuttavia, la fascinazione dei media e le valutazioni analitiche del movimento boogaloo come una minaccia apparentemente nuova e sconosciuta rischiano di guardare il dito al posto della luna. I complotti violenti orchestrati da soggetti identificati come "boogaloo boys" manifestano ideologie anti-governative, libertarie di destra che promuovono un'agenda “accelerazionista”: vogliono provocare il collasso della società attraverso la violenza di massa. Il movimento boogaloo non è coeso o organizzato, né ha un'ideologia comune o un insieme di principi guida. Anche il termine stesso "boogaloo", un meme di Internet che rappresenta le chiamate a impegnarsi nella violenza nella speranza di innescare l'attesa guerra civile, continua a essere colto da una vasta gamma di attori che cercano di perpetrare atti mortali di terrorismo interno. Il “movimento” andrebbe visto candidamente come una vetrina per la minaccia ben organizzata e pervasiva rappresentata dai vari filoni dei movimenti suprematisti bianchi, neonazisti e antigovernativi. La minaccia che rappresentano dovrebbe indurre riforme legali, attese da tempo, agli statuti sul terrorismo interno degli Stati Uniti per consentire indagini e procedimenti più efficaci sulle loro azioni.


Questi soggetti hanno a lungo approfittato di passi falsi e inazione da parte dei gestori social media, del governo federale, e anche all'esercito per sviluppare un ecosistema complesso che continua ad operare liberamente all'interno degli Stati Uniti. Insieme al più ampio ecosistema delle milizie, questi movimenti hanno goduto di anni di relativa libertà online e offline per reclutare, raccogliere fondi e radicalizzare i sostenitori sul terreno della violenza. Recenti casi di violenza motivati da queste ideologie, come gli atti di terrorismo interno di Oklahoma City, El Paso, Charleston e Pittsburgh, hanno messo in mostra i fallimenti dell'esecutivo e del legislativo per ottenere efficaci soluzioni politiche a lungo termine che correttamente riconoscono e combattono le cause profonde del terrorismo interno.

La necessità di riconoscere la vera natura di questa minaccia più ampia è diventata fondamentale in quanto l'aumento dell'incitamento online da parte di questi movimenti sembra aver portato a tentati atti di violenza nel mondo reale nelle ultime settimane. Oltre al targeting delle forze dell'ordine di Oakland, numerose sostenitori del movimento boogaloo sono state arrestate prima di intraprendere atti di violenza. In Nevada, tre persone affrontano accuse di terrorismo di stato dopo essere stati arrestato a Las Vegas mentre partecipavano a una protesta. Erano in possesso di bombe molotov e presumibilmente intendevano incitare alla violenza e al caos. Il gruppo aveva pianificato di colpire le sottostazioni del potere o le stazioni dei ranger con esplosivi e discusso la necessità di "rovesciare violentemente il governo degli Stati Uniti". A Denver, Bradley Bunn, che ha pubblicato un manifesto che chiedeva una "sfida armata contro i tiranni", è stato arrestato per possesso di quattro pipe-bomb. In Oklahoma, Christopher Ledbetter, che è stato dichiarato colpevole di possesso illegale di una mitragliatrice, è stato accusato di aver apertamente discusso di "poliziotti di caccia" e la sua convinzione che "la polizia era l'equivalente dei terroristi". In Texas, Aaron Swenson è stato arrestato e incriminato con l'accusa di tentato omicidio di un ufficiale di pace dopo aver trasmesso la sua caccia a un agente di polizia su Facebook Live.


Questo recente picco di attività estremiste legato al movimento boogaloo non è passato inosservato ai responsabili politici. Il Congresso ha fatto pressioni sulle forze dell'ordine e sulle società di social media in seguito a questi recenti incidenti perpetrati da individui collegati con il movimento boogaloo. Max Rose, presidente della sottocommissione per l'intelligence e l'antiterrorismo della Camera, ha inviato una lettera al Dipartimento della Sicurezza Interna chiedendo "una valutazione specifica su questo movimento e su eventuali minacce violente che può rappresentare".

Il 16 luglio, la sottocommissione ha tenuto un'audizione virtuale dal titolo "Valutare la minaccia degli estremisti accelerazionisti e delle milizie" (...) ma il Congresso non ha intrapreso azioni legislative sostanziali per facilitare una migliore soluzione a questa minaccia. Un passo importante sarebbe quello di rivedere il modo in cui il sistema giuridico degli Stati Uniti persegue il terrorismo interno. In particolare, nessuno degli autori identificati come affiliati al movimento boogaloo che hanno complottato in questi atti di terrorismo interno sono stati accusati di aver violato gli statuti del terrorismo federale. L'etichetta "terrorismo" è applicata solo in caso di crimini specifici che trascendono i confini nazionali o comportano la fornitura di sostegno materiale ai terroristi o a un'organizzazione terroristica straniera. L'attuale quadro di definizione per un "crimine federale del terrorismo" include una miriade di reati predicati, ma questi reati sono raramente dimostrati nell'attuale campo delle tattiche terroristiche e non includerebbero, ad esempio, una sparatoria di massa “ideologica” o a sfondo razziale o lo speronamento di veicoli di civili. Nei recenti casi di attività legata al boogaloo, solo il presunto omicidio di un ufficiale federale vi rientra. In questo caso, date le forti sanzioni penali già associate a questa accusa, le conseguenze pratiche dell'etichettatura di questo atto quale terrorismo interno sarebbero probabilmente limitate a un'indagine aziendale su Carrillo e qualsiasi potenziale rete. (...)

Il movimento boogaloo è tutt'altro che un gruppo singolare e omogeneo. Anche se così fosse, designare gruppi nazionali utilizzando meccanismi giuridici simili, come facciamo per le organizzazioni terroristiche straniere, non è solo costituzionalmente problematico, ma anche probabilmente inefficace e caratteristico di un malinteso del terrorismo interno moderno. Come dimostrano le recenti operazioni delle forze dell'ordine contro Atomwaffen e The Base, la nuova ondata di terrorismo interno è sorprendentemente simile ai modelli storici di resistenza senza leader. Piccole cellule di terroristi nazionali, disorganizzate e vagamente affiliate, che potrebbero possedere legami transnazionali, ma apparentemente privi di legami formali con organizzazioni terroristiche suprematiste bianche straniere, continueranno a rappresentare una sfida unica per le forze dell'ordine. La minaccia posta da altri attori stranieri e non statali che cercano di minare i valori democratici, seminare discordia e sostenere i terroristi interni richiederà una serie di soluzioni politiche pragmatiche. A differenza di uno stretto statuto di terrorismo interno in cui gli individui sarebbero perseguiti per le loro azioni nel promuovere la violenza piuttosto che un'ideologia, tentare di designazioni radicali di gruppi interni non è la soluzione mirata o sfumata necessaria per combattere efficacemente questa minaccia dinamica.

Nonostante il recente fascino del movimento boogaloo, che ha catturato l'attenzione dei politici e dei media, questa violenza ideologica dovrebbe essere vista come solo l'ultima incarnazione dell' "accelerazione" negli Stati Uniti. Le sfide del terrorismo interno hanno posto a lungo problemi intrattabili per gli apparati antiterrorismo e di applicazione della legge del governo federale, che non sono riusciti a riorientare adeguatamente e a rispondere in modo proporzionale. Gli sforzi per contrastare e perseguire adeguatamente coloro che tentano di impegnarsi in violenze reali nel promuovere cause terroristiche interne devono riflettere la totalità delle loro azioni. Fino ad allora, resteremo un passo indietro rispetto a coloro che cercano di commettere atti di odio in patria.

PS: Le teorie dell'accelerazione sono elementi costitutivi del radicalismo politico di matrice religiosa. Essendo i fondamentalisti protestanti seguaci letterali della Bibbia invece di attendere si danno da fare per avvicinare l'Armaggedon, la battaglia finale tra il Bene e il Male. Si pensi, ad esempio, al ruolo giocato da alcuni culti protestanti nel supporto agli estremisti ebraici che vogliono ricostruire il Tempio di Gerusalemme sulla Spianata delle moschee, considerato un passaggio decisivo verso la fine dei tempi. 


Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700