Neonazi americano rischia 5 anni per minacce ai giornalisti - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

lunedì 14 settembre 2020

Neonazi americano rischia 5 anni per minacce ai giornalisti


Un neonazista si è dichiarato colpevole davanti al tribunale federale di Seattle di aver cospirato per minacciare giornalisti. Johnny Roman Garza, 21 anni, di Queen Creek, Arizona, in videoconferenza alla Corte distrettuale ha chiesto il patteggiamento per aver inviato comunicazioni minacciose, commettendo cyberstalking e interferendi con un'attività protetta a livello federale. 
Garza è uno dei quattro membri del gruppo neonazista Atomwaffen Division accusato all'inizio di quest'anno di aver parlato di cibernetica e inviato poster carichi di svastica a giornalisti e a un dipendente della Anti-Defamation League, osservatorio antifascista della comunità ebraica, dicendo loro: "Sei stato visitato dal tuo nazista locale "," Le tue azioni hanno conseguenze "e" Stiamo osservando". 
Garza ha ammesso che come parte della cospirazione ha individuato il complesso di appartamenti di Phoenix dove viveva un membro dell'Associazione dei giornalisti neri dell'Arizona e vi si è recato lo scorso gennaio per lasciare i poster minacciosi ma non è riuscito a trovare un luogo adatto. Si è poi recato a casa dell'editore di una pubblicazione ebraica locale e ha apposto un poster alla finestra della camera da letto. Lo stesso giorno, suoi complici hanno spedito o consegnato poster a obiettivi nello stato di Washington e in Florida. Gli investigatori hanno avvertito molte delle vittime designate prima che ricevesseo le comunicazioni intimidatorie, indicando che stavano monitorando gli autori delle minacce. Garza rischia fino a cinque anni di carcere: la sentenza sarà emessa a dicembre. La data del processo per gli altri imputati è stata ritardata dalla pandemia COVID. Tra questi Kaleb J. Cole, contro il quale la polizia di Seattle ha ottenuto lo scorso autunno un "ordine di protezione contro i rischi estremi", sequestrando nove pistole da casa sua. Cole era "passato dallo sposare l'odio a prepararsi per un'imminente "guerra razziale" ". Questi passaggi includono l'organizzazione di "campi di odio" in stile paramilitare in Nevada e Washington

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700