Colombo: Fioravanti non c'entra niente con Mattarella - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

martedì 7 gennaio 2020

Colombo: Fioravanti non c'entra niente con Mattarella


Continuano a circolare voci dissennate sul coinvolgimento di Valerio Fioravanti nell'omicidio di Piersanti Mattarella. Prima un settimanale che usa l'antifascismo per la sua caccia al lettore latitante ha tirato fuori che la pistola usata per uccidere Mattarella sarebbe stata la stessa usata per l'omicidio del giudice Amato
Quella sarebbe stata in effetti una scoperta rilevantissima, essendo Amato stato certamente ucciso dai Nar. Solo che con il termine la stessa pistola si intendeva lo stesso tipo di pistola, non la stessa arma. Una non propriamente rara 38.
Ora la scoperta clamorosa è che la stessa pistola, pardon lo stesso tipo di pistola sarebbe stato adoperato per sparare a Mattarella e a Reina. A parte che sempre di una non rarissima 38 si tratta, non si capisce bene come il fatto coinvolga Fioravanti e i Nar.
Servirebbe un po' di chiarezza: Falcone ha deciso di inquisire i Nar molto tardi e solo dopo le polemiche che lo accusavano di non volere la verità su Mattarella. Tanto era poco convinto della tesi accusatoria che nel libro intervista postumo Cose di Cosa nostra dice chiaramente che la mafia non risponde a nessun altro potere occulto e, mi pare, anche che per gli omicidi eccellenti Cosa nostra non appalta ma agisce in proprio.
Sulla base delle indagini di Falcone, nel frattempo ucciso, il pm Pignatone, cioè l'accusa, non solo la difesa, ha chiesto l'assoluzione di Fioravanti [e ottenuto la condanna per calunnia degli accusatori di Fioravanti izzo e Pellegriti].
Valerio Fioravanti si è detto oggi disponibilissimo a incontrare il pm Tartaglia e a "offirire la stessa collaborazione che offrii a Falcone".
Sintesi: con l'omicidio Mattarella, i Nar e Valerio non c'entrano niente checché vaneggi L'Espresso.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700