lunedì 11 dicembre 2017

La protesta antifascista non ferma il Borgo Panigale, Luppi subito in campo

Il calciatore  Eugenio Maria Luppi che dopo aver segnato un gol a Marzabotto, in una partita di seconda categoria dilettanti, tra il Marzabotto e il Futa 65 terminata con il risultato di 2-1 per la squadra ospite, aveva fatto il saluto romano mostrando una maglietta della Repubblica sociale, per questo motivo denunciato per apologia di fascismo torna a calcare i campi di calcio.
Infatti domenica è sceso in campo, fin da primo minuto, per il Borgo Panigale, squadra di promozione impegnata in una difficile partita contro il Lavezzola.
A tifare per lui, sugli spalti c'erano alcuni simpatizzanti della destra radicale mentre fuori lo stadio c'era un presidio di protesta al quale hanno preso una partita una cinquantina di persone.
In prima fila, il deputato Pd ed ex sindaco di Marzabotto Andrea De Maria e il presidente del quartiere Borgo Reno-Panigale Vincenzo Naldi.
"Bisogna ribadire i valori dell'antifascismo - ha detto De Maria - e contrastare i segnali del ritorno dell'estrema destra". Proprio sul caso Luppi, il deputato del Partito Democratico ha presentato un'interrogazione al ministro dello Sport Luca Lotti.
.

0 commenti:

Posta un commento