giovedì 3 dicembre 2015

Alfano sabato a Montecatini: prevista contestazione di Casa Pound

Sabato 5 dicembre il ministro degli interni Angelino Alfano sarà a Montecatini Terme in qualità di relatore ad un convegno. Una presenza che non poteva lasciare indifferenti i militanti della locale sezione di Casa Pound Italia che hanno annunciato una contestazione all'esponente del governo Renzi.
Il quotidiano Il Tirreno, nella sua versione on line, con un interessante articolo, che proponiamo per intero, ci descrive l'annunciata contestazione del ministro degli interni da parte di Casa Pound.

Alfano a Montecatini, contestazione di CasaPound

Presidio in piazza del Popolo nel giorno della presenza del ministro in città per partecipare a un convegno



“Alfano non lo vogliamo”, questo lo slogan di CasaPound che annuncia una contestazione alla visita del Ministro degli Interni che sabato si troverà in città per partecipare ad un convegno. “Alfano è senza dubbio uno dei peggiori ministri della storia politica della nostra nazione – attacca CasaPound nel suo comunicato stampa – grazie a lui stiamo subendo una vera e propria invasione di immigrati clandestini, le nostre città sono sempre più insicure e siamo giunti al paradosso di mantenere in albergo migliaia di finti profughi mentre gli italiani sono sempre più poveri e abbandonati a se stessi. Pertanto sabato saremo presenti in Piazza del Popolo dalle ore 10 con un presidio ed invitiamo il Ministro Alfano a farsi un giro per le zone degradate di Montecatini, dove a giorni alterni si verificano risse tra varie etnie di stranieri, per rendersi conto della realtà che deve affrontare chi vive nei quartieri e non nei palazzi come lui ed i suoi colleghi parlamentari”

0 commenti:

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.