martedì 27 gennaio 2015

CATEGORIA:

Nel giorno della memoria, gli striscioni di Militia contro "la menzogna storica dell'Olocausto"

Si è concluso pochi giorni fa il processo contro Militia e Stefano Schiavulli lo aveva annunciato nella dichiarazione finale: non abbiamo nulla di cui pentirci. 
Detto, fatto. Puntualmente, in occasione della Giornata della Memoria che, nel giorno dell'ingresso dell'Armata rossa nel lager di Auschwitz, celebra il ricordo della Soah, hanno affisso in numerosi punti di Roma striscioni contro la "menzogna storica dell'Olocausto". 
"Questa sera - ha commentato Stefano Schiavulli nel pubblicare questa foto nella sua pagina facebook - in occasione del 27 gennaio il movimento politico Militia ha espresso chiaramente quale sia la propria memoria storica, questa ed altre scritte sono state affisse in vari punti della città, in particolare questo presso il parco della rimembranza ebraica dei Parioli, non permetteremo che il loro piagnisteo imperante motivato da comprovati falsi storici possano minare l'onore delle idee e dei personaggi a cui noi ci siamo sempre avvicinati! Noi abbiamo una storia da rispettare e da onorare anche se dovessimo affrontare altri 1000 processi! Vita Est Militia! 

4 commenti:

  1. Non c'è reato, mi auguro che si eviti ennesimo processo visto che a Roma non mi pare manchino i reati e i delinquenti veri che danneggiano la collettività.
    E la vicenda del Professor Valvo parla chiaro http://mauriziodangelo.blogspot.it/2013/11/assolto.html

    RispondiElimina
  2. http://andreacarancini.blogspot.it/2015/01/processo-militia-la-sentenza-deve.html

    RispondiElimina
  3. Questi di Militia però sono davvero dei paranoici. Odiano gli ebrei, va bene, ma la smettessero di imbrattare la città con queste scritte. Non c'è stato l'olocausto secondo voi ? Vabbè... ma vi chiedo una cosa: se arrivasse qualcuno e dicesse: sei un essere inferiore in quanto italiano, prendessero anche i vostri figli e gli tatuassero un numero su un braccio come ad un animale e vi spedissero in un vagone a mille km, non pensereste di subire un'ingiustizia una violenza inaudita, una prepotenza enorme, anche se non vi mettessero in un forno crematorio ?
    Enrico

    RispondiElimina

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.