giovedì 4 dicembre 2014

CATEGORIA:

Mafia Capitale. Una mia intervista all'Adn Kronos: Buzzi, la storia gloriosa di quella coop e gli attovagliati

Oggi è stata giornata di interviste su Mafia capitale: all'Adn Kronos, a una radio veronese, al Secolo d'Italia. Evidentemente le mie perplessità sul blitz "acchiappano". Cominciamo quindi con l'agenzia di stampa che mi ha chiesto un ritratto di Buzzi...

Salvatore Buzzi non è un ''bandito di strada'', non ha alle spalle un ''percorso di criminalità organizzata'' è un personaggio con una ''caratura'', che è stato capace di ''costruire un network serio della cooperazione sociale'' ma che alla fine ha fatto il botto. E' il ritratto che arriva da Ugo Maria Tassinari, giornalista, ex militante della sinistra extraparlamentare che con il libro 'Fascisteria' si è ritrovato ad essere uno dei massimi esperti dei miti e personaggi della destra radicale.
Per capire chi è Buzzi bisogna partire dagli anni del carcere. ''Viene arrestato a 25 anni nel 1980 - racconta Tassinari - Era un impiegato di banca, un truffatore che incassava assegni falsi. Lui vuole mollare, il socio lo minaccia, lui si spaventa e lo ammazza. In carcere entra in contatto con il circuito dei detenuti politici. Nel 1984 è a Rebibbia. Una data importante perché in quell'anno nel carcere romano nasce l'area omogenea della dissociazione, dove si comincia a ragionare di un percorso di recupero e reinserimento sociale dei detenuti. La cooperativa 29 giugno, nasce nel 1984 a Rebibbia''.
Una storia raccontata recentemente sulle colonne di 'Noi Donne' dal braccio destro di Buzzi, Emanuela Bugitti, presidente della Cooperativa 29 giugno tra le 37 persone finite in carcere nell'operazione 'Mondo di mezzo'. Ex BR, colonna veneta, condannata a 16 anni e mezzo per l'omicidio di Alfredo Albanese, il capo della Digos veneziana ucciso il 12 maggio 1980. Mille dipendenti, 120 detenuti che ci lavorano, la cooperativa ''offre la possibilità di un lavoro a chi sta in carcere - dice la Bugitti nell'intervista - Nasce dall'esperienza fatta nel carcere di Rebibbia nel 1984 quando per la prima volta in Europa, organizzò insieme ai detenuti, il primo convegno spettacolo in carcere: 'Antigone' era il titolo dello spettacolo. All'inizio eravamo l'unica cooperativa a Rebibbia. E' stata una scommessa, vinta grazie al fatto di esserci sempre alleati con gli altri''.
Negli anni 2000 la cooperativa fa il ''botto''. ''Il network della 29 giugno è un soggetto forte della cooperativa sociale ma all'inizio degli anni 2000 cambia tutto - dice Tassinari - Saltano gli affidamenti diretti perché l'Unione europea inizia a fare pressioni per il rispetto della concorrenza. A quel punto scatta la necessità di trovarsi o comprarsi appoggi politici''.
Per l'autore di 'Fascisteria' è da quel momento che si costruisce quello che le oltre 1200 pagine dell'ordinanza di 'Mafia capitale' hanno scoperchiato. ''Buzzi fascista non è, come non lo è il suo network. Tanto è vero quando ci sono le primarie, che saranno vinte da Marino, c'è la famosa intercettazione in cui Buzzi parla di sostenere Umberto Marroni. Il padre, Angiolo Marroni, è il Garante dei detenuti della Regione Lazio. Tutta la rete di sinistra che è stata coinvolta (Ozzimo è uno che ha iniziato a fare politica nel Pds, nella rossissima Centocelle del '94) sono persone battezzate e cresimate in un percorso di sinistra. Ed è il network politico che fa capo a Marroni''.
Detto questo, però, per Tassinari parlare di 'mafia capitale' è ''eccessivo''. ''E' evidente che c'è un intreccio tra affarismo, malavita, millanterie, metodi spicci... però arrivare a questa 'cupola nera' mi sembra eccessivo''.
''Nelle intercettazioni di Buzzi nei confronti dei politici non ci sono intimidazioni ma favoritismi e corruttele - afferma ancora il giornalista - Buzzi opera in maniera autonoma da Carminati. Ha una caratura, è uno dei leader riconosciuti della cooperazione a Roma. Non è un bandito di strada. E' un personaggio che non ha alle spalle una storia di criminalità organizzata. E' un delinquente comune che fa un delitto di paura, poi si inserisce in un percorso di recupero sociale. E' una persona capace, che costruisce una struttura che negli anni si è ramificata, diversificando l'offerta. Ha tutte le caratteristiche per entrare nel mondo della cooperazione sociale. Poi negli ultimi anni - conclude Tassinari - si è molto accentuato l'intreccio losco tra affarismo, criminalità organizzata e mondo della cooperazione''

5 commenti:

  1. Nemmeno io credo che sia "mafia" .... che peraltro a Roma non è stata mai attribuita giudiziariamente a nessuno nella storia ... nemmeno alla Magliana ...

    E che non è solo roba di "neri" è ovvio ... anche se poi, amministrativamente parlando, di tratta di tutti atti amministrativi della gestione Alemanno del Comune di Roma ...

    Però, cacchio, una bella "associazione a delinquere" innegabilmente lo è ....

    Non vorrei, caro Ugo, che in quanto massimo esperto di "fascisteria" ... ed in quanto indubbiamente uomo "de sinistra" ...stiano cercando di utilizzarti ... visto pure chi sono gli organi di stampa che ti cercano ... in funzione minimizzante complessiva ..... perchè, anche se non è "mafia", è questione comunque serissima e gravissima .... pensaci ....

    RispondiElimina
  2. Keoma, come potrai immaginare, a me la storia di Antigone e dell'area omogenea non mi appartiene, eppure trent'anni dopo toccherà pur riconoscere che la dissociazione e la legge Gozzini sono state due risposte riformiste per una fuoriuscita dagli anni di piombo che non fosse solo nel segno della brutalità poliziesca e delle leggi premiali. Come spiegava un mio antico maestro io ho una straordinaria com-passione per il male, di stampo chandleriano. La fame etologica dei fasci che si ingozzano appena mettono il culo su uno strapuntino non mi appassiona più di tanto, mentre mi intriga il dispositivo di degenerazione di un progetto benintenzionato in straordinaria macchina da guerra economica.
    E comunque Buzzi era un ex comune ma era agganciantissimo con una filiera ex Pci ...

    RispondiElimina
  3. Sono d' accordo ... e come già ho detto, non è "mafia" ... è una associazione a delinquere di tipo "affarista" .... almeno per quanto riguarda questa inchiesta .... poi magari la "mafia nera" a Roma c'è veramente ma riguarda altre questioni ... droga, ammazzamenti vari, Fanella e non solo, Macchi ecc. ecc. di cui si è parlato molto nei mesi scorsi ... e nella quale forse Carminati c'entra pure poco ...

    Rimane il dato incontrovertibile che, seppure il concetto di "associazione mafiosa" è anche per me molto forzato e forse non reggerà nemmeno davanti al Gup, questo è una storia serissima che non si può minimizzare più di tanto .... e non vorrei che qualcuno invece cerca di utilizzarti molto in questo senso .... lo dico soprattutto per te e per la tua credibilità personale più generale ...

    RispondiElimina
  4. Ti ringrazio della tua preoccupazione. Ne terrò ben conto ...

    RispondiElimina
  5. Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.

    RispondiElimina

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.