Header Ads


Assalto alla Cgil, il pm chiede dai 6 agli 8 anni di reclusione per 6 militanti di Forza Nuova



Prime richieste di condanna per i 6 imputati che hanno scelto il rito abbreviato accusati dell'assalto alla sede nazionale della Cgil a Roma, nell'ambito della manifestazione no green pass dello scorso 9 ottobre.
Il pubblico ministero ha chiesto 8 anni di reclusione con l'accusa di devastazione e resistenza a pubblico ufficiale per Fabio Corradetti, figlio  della compagna del leader romano di Forza Nuova Giuliano Castellino, per Massimiliano Ursino, leader  palermitano di Forza Nuova, Roberto Borra e Massimiliano Petri. Tutti e quattro hanno recidive specifiche. Mentre per gli altri due imputati, il torinese Federico Trocino e il romano Francesco Bellavista, il pubblico ministero ha chiesto 6 anni e mezzo di reclusione: entrambi sono incensurati.
Il giudice deciderà se accogliere la richiesta di condanna nella prossima udienza. Intanto lunedì prossimo entrerà nel vivo il processo per gli altri 7 imputati accusati dell'assalto alla Cgil. Tra loro ci sono Giuliano Castellino, Roberto Fiore e Luigi Aronica, accusati anche di istigazione a delinquere, oltre che di devastazione.

Nessun commento:

Powered by Blogger.