Napoli, CasaPound ricorda i militanti di Alba Dorata freddati dalla guerriglia rossa - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

domenica 1 novembre 2020

Napoli, CasaPound ricorda i militanti di Alba Dorata freddati dalla guerriglia rossa

 


Il primo novembre di sette anni fa, due e giovani militanti di Alba Dorata vengono freddati, ad Atene, davanti alla sede del movimento politico nazionalista greco, in un quartiere di Atene.

A rivendicare l'omicidio furono le Squadre rivoluzionarie popolari combattenti che spiegarono il perché del gesto, alcuni giorni dopo, con un documento politico di ben 18 pagine. Nella rivendicazioni le Squadre definiscono l'attentato una rappresaglia per l'uccisione del rapper Pavlos Fyssas per mano di un militante neo nazista.
Da sette anni a questa parte, ad Atene, in diverse città della Grecia, in molte città d'Europa, viene ricordato con striscioni, manifestazioni e presenti il sacrificio dei due giovani militanti di Alba Dorata.
Anche a Napoli, alle prime ore di domenica 1 novembre un drappello di militanti di CasaPound Italia ha ricordato, con il seguente striscione : "La vostra legge non cancella i nostri eroi, Giorgos e Manolis presenti 





Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700