Mondo di mezzo, tornano liberi Salvatore Buzzi e Luca Gramazio - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

venerdì 26 giugno 2020

Mondo di mezzo, tornano liberi Salvatore Buzzi e Luca Gramazio


Sono tornati liberi Salvatore Buzzi e Luca Gramazio, due imputati eccellenti del procedimento "Mondo di Mezzo". Lo ha disposto la Corte d'Appello di Roma che ha disposto per il ras delle cooperative l'obbligo di dimora. I due si trovavano agli arresti domiciliari.
Per Buzzi e Gramazio è stato imposto anche il divieto di espatrio. Nel provvedimento di Buzzi e Gramazio i giudici dichiarano "la perdita di efficacia dei provvedimenti cautelari in relazione a tutti i capi di imputazione per i quali erano stati adottati per decorso dei relativi termini massimi di custodia cautelare".
Dieci giorni fa, sempre per decorrenza dei termini, era stato scarcerato Massimo Carminati dopo 5 anni e 7 mesi di carcere preventivo. Anche per lui la corte d'Appello ha disposto l'obbligo di dimora.
A ottobre dello scorso anno la sentenza della Cassazione secondo cui il processo al 'Mondo di Mezzo', ex Mafia Capitale, ha dimostrato che Carminati "non ha gestito alcun ruolo con settori finanziari e servizi segreti" né è mai stato "terminale di relazioni criminali con altri gruppi mafiosi". Si era detto e scritto che Carminati e il suo gruppo avessero "contatti significativi" con il clan dei fratelli Senese, con il clan Casamonica, con Ernesto Diotallevi ("esponente della cosiddetta banda della Magliana e tramite del sodalizio con la mafia siciliana di Pippo Calo'"), e con il clan dei Santapaola, come raccontato da un collaboratore di giustizia. Niente di tutto questo.
Per la Suprema Corte, Carminati ha coltivato "relazioni determinanti solo con alcuni ex commilitoni nella medesima area politica di estrema destra che, in un dato periodo, erano stati inseriti nell'amministrazione comunale".

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700