10 febbraio 1977: Alain Escoffier si dà fuoco e muore, martire antisovietico - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

lunedì 10 febbraio 2020

10 febbraio 1977: Alain Escoffier si dà fuoco e muore, martire antisovietico

alain escoffier

Nacque a Lione il 25 ottobre del 1949 e fin da giovane si avvicinò alle idee anticomuniste iscrivendosi al “Parti des Forces Nouvelles”, partito politico di estrema destra francese. Alain Escoffier decise di immolarsi nel fuoco seguendo l’esempio del gesto estremo di Jan Palach contro l'invasione sovietica nel gennaio 1969 in segno di disperazione e amarezza per l’invasione sovietica nella Capitale Cecoslovacca. Lavorava come impiegato di banca e marito di una rifugiata della Germania dell’Est che, a causa del Muro di Berlino e della Cortina di ferro, ormai da anni non poteva vedere.
LEGGI TUTTO

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700