Battipaglia, benvenuti nella nuova Terra dei Fuochi. Lo striscione di Forza Nuova - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

lunedì 16 settembre 2019

Battipaglia, benvenuti nella nuova Terra dei Fuochi. Lo striscione di Forza Nuova

Benvenuti nella nuova Terra dei Fuochi: questo è il testo di uno striscione affisso nella notte tra venerdì 13 e sabato 14 settembre  a Battipaglia, popoloso e popolare comune della provincia di Salerno. 
Il senso di questa iniziativa politica messa in atto dai militanti di Forza Nuova ci viene chiarito, con maggiori dettagli,  da una nota diffusa alla stampa che  riportiamo per intero.


Lo striscione affisso questa notte dai militanti di Forza Nuova Salerno è soltanto una constatazione di quel che è diventata Battipaglia e l’intera Piana del Sele.
 Il triste paragone è dovuto perché la misura è ormai colma; troppi incendi, troppe coincidenze per non pensare che dietro a questo disastro ambientale non ci sia una mano scrupolosa che orchestra ogni azione e detta i tempi di ogni nuovo rogo.
Ben lieti siamo nel vedere la reazione del popolo battipagliese, dichiara Ivano Manno coordinatore regionale di forza nuova, che ha incarnato perfettamente lo spirito del ’69 quando ancora una volta Battipaglia salì agli onori della cronaca. Ci sono segnali che senza dubbio fanno riflettere e che bisogna sottolineare, in primis la presenza del sindaco, Cecilia Francese, con fascia tricolore indossata a guidare la protesta, segno che le Istituzioni locali sono al fianco del popolo e se adeguatamente pungolate fanno e vogliono l’interesse dei cittadini.
In secundis, il Ministro dell’Ambiente, On. Costa, uomo di Stato ha detto che è una guerra. Ebbene – incalza ancora il responsabile forzanovista – considerata l’affermazione, il Ministro sa benissimo, in quanto ex militare, che in guerra bisogna concedere poteri speciali a chi ha le capacità per conseguire la vittoria. Pertanto, l’unica Istituzione addestrata a fare ciò è l’Esercito e soltanto concedendogli i poteri di polizia giudiziaria e libertà d’azione e movimento si potrà risolvere questa “schifosa” guerra.
Non è più tempo delle parole, è tempo dell'azione.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700