Brescia, ultrà finito in coma: chiesti 8 anni ai poliziotti - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

mercoledì 1 maggio 2019

Brescia, ultrà finito in coma: chiesti 8 anni ai poliziotti

Il processo per il pestaggio di Paolo Scaroni l’ultra’ del Brescia che, a seguito delle percosse ricevute dalla polizia il 24 settembre 2005, riporto’ gravi ferite alla testa rimanendo in coma per due mesi e in ospedale per otto per poi essere afflitto da una grave forma di invalidita’, e’ arrivato a una svolta importante.
Dopo che nel settembre 2016 venne stabilito che Scaroni dovesse essere risarcito con 1,4 milioni di euro nelle scorse ore la procura generale di Venezia ha chiesto 7 anni di carcere per gli otto poliziotti della Celere di Bologna che si resero protagonisti del pestaggio.
Per il sostituto procuratore generale Paola Cameran ci sono tutte le prove per condannare gli otto agenti. Per rafforzare la propria ricostruzione la procura generale di Venezia ha portato in aula anche la mappa della stazione di Verona sostenendo che i poliziotti finiti alla sbarra, vista la loro posizione nello scalo ferroviario, non possono non essere i responsabili del pestaggio. Il processo si e’ aggiornato a fine mese.
 

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700