L'alternativa all'Europa è l'Europa. L'idea imperiale di Adinolfi approda a Bellante - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

venerdì 26 aprile 2019

L'alternativa all'Europa è l'Europa. L'idea imperiale di Adinolfi approda a Bellante


L'associazione culturale Nuove Sintesi ha organizzato nel pomeriggio di giovedì 25 aprile presso la sala ex Asilo sita in Piazza Arengo a Bellante, in provincia di Teramo, la presentazione del libro di Gabriele Adinolfi,
"Il Mito dell'Europa, da Esiodo ad oggi nell'orgoglio delle Termopili, di Roma e di Berlino, edito dalla Casa editrice Soccorso Sociale.
Il mito dell' Europa, di cui consigliamo una attenta ed approfondita lettura, è una sentita e sincera autobiografica politica e spirituale non solo dell'autore ma di una generazione di militanti, non del tutto perduta ed annullata dal "sistema dominante". Del libro, della partecipata presentazione in quel di Bellante, nonostante il giorno festivo, ci parla, con maggiori dettagli, una nota diffusa alla stampa dall'associazione culturale Nuove Sintesi che riportiamo fedelmente.


Lo scorso giovedì si è tenuta a Bellante (TE) la presentazione del libro "IL MITO DELL'EUROPA da Esiodo ad oggi nell'orgoglio delle Termopili, di Roma e di Berlino" alla presenza dell'autore, Gabriele Adinolfi.
La giornata festiva (ricorreva il giorno del Patriarca di Venezia) non ha impedito una buona presenza di pubblico. Gabriele Adinolfi ha presentato la sua opera che come tema centrale e ricorrente ha il Mito continentale, magistralmente illustrato anche con cenni di vita personale e storici, appunto dal primo grande poeta classico ai giorni nostri. 
La prospettiva che ne scaturisce è chiaramente "europeista", in virtù delle comuni radici antropologiche, storiche e culturali. Il destino dei Paesi europei è strettamente correlato a quello di una unione continentale, che dovrà essere tuttavia rivoluzionata rispetto all'unione mercantile vigente. Quanto sopra in un momento in cui molte forze politiche (tra cui anche quelle che sostengono di ispirarsi ai governi che già durante i primi anni '30 avevano presagito la necessità di una unione europea) utilizzano come cavallo di battaglia il malcontento e lo scetticismo verso l'Europa. Dopo la presentazione vi è stato un vivace ed interessante dibattito tra l'autore ed i presenti.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700