Michele Facci(Mns): la regione Emilia Romagna riapra i punti nascita soppressi - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

giovedì 31 gennaio 2019

Michele Facci(Mns): la regione Emilia Romagna riapra i punti nascita soppressi

La Regione Emilia-Romagna consideri la riapertura di tutti i punti nascita soppressi, nel confronto appena avviato con il ministero della Salute, per la revisione dei criteri stabiliti per il loro mantenimento nelle aree montane o disagiate". A chiederlo, in una risoluzione, è il consigliere Michele Facci
esponente del Movimento nazionale per la sovranità, il movimento politico sovranista guidato da Gianni Alemanno.
Nei giorni scorsi , scrive il consigliere, una gestante residente a Gaggio Montano ha partorito in ambulanza lungo la strada Porrettana, nel viaggio verso il reparto nascite del Maggiore di Bologna. E il parto delle gestanti lungo il tragitto, a seguito della chiusura dei punti nascita nelle aree periferiche e montane della regione, non garantisce affatto quei livelli di sicurezza e qualità di cui invece necessita ogni partoriente.
L’assenza dei punti nascita nei territori appenninici prosegue il consigliere Facci, nonostante i protocolli alternativi, mette a serio rischio la salute delle partorienti e dei nascituri e rende necessaria una riflessione sul rischio sanitario che grava anche sul personale medico e infermieristico.
Negli ultimi tempi, continua Facci, "la Regione ha chiuso diversi punti nascita in ospedali di montagna, sulla base del tetto minimo di 500 parti annui come condizione minima richiesta", nonostante "da più parti, anche a livello governativo, siano state espresse perplessità su questo parametro, riguardo alle strutture sanitarie situate in zone disagiate o montane, vista l’evidente ricaduta negativa per l’utenza, improvvisamente privata di un presidio socio-sanitario di basilare importanza, ad una considerevole distanza temporale e spaziale dai centri cittadini". Da qui la richiesta del consigliere che evidenzia
"che, proprio negli ultimi giorni, il presidente della Regione, Stefano Bonaccini, e l’assessore alla Sanità, Sergio Venturi, hanno
avuto un incontro con il ministro della Salute, nel quale è stato
valutato un impegno condiviso a ridiscutere l’accordo Stato-Regioni
del 2010, per garantire il mantenimento dei punti nascite negli ospedali di montagna

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700