Cerveteri, CasaPound contro la disobbedienza del sindaco arcobaleno - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Spazio pubblicitario

Spazio pubblicitario

martedì 8 gennaio 2019

Cerveteri, CasaPound contro la disobbedienza del sindaco arcobaleno

Il sindaco di Cerveteri Alessio Pascucci, nonostante sia stato invitato dalla prefettura a spostare la bandiera arcobaleno sulla facciata del comune, come un disobbediente qualsiasi, stile il sindaco di Palermo Orlando o quello di Napoli De Magistris, ha deciso di sfidare lo Stato e di lasciare lì dove sta la bandiera in questione", dichiara Mauro Antonini, segretario regionale laziale di CasaPound Italia. Pascucci è infatti tra i sindaci di sinistra che hanno aderito al movimento contro il dl sicurezza.
"Ebbene, vogliamo dire a questo signore che allora ci penseremo noi a rimuovere la bandiera arcobaleno, che non può e non deve figurare accanto al Tricolore o a gli altri simboli istituzionali, perché è una bandiera che rappresenta una ideologia ben precisa e non tutta la comunità", continua Antonini, annunciando per sabato 12 una manifestazione a Cerveteri in piazza Risorgimento, sotto al Comune, a partire dalle 11.
"Pascucci invece di aggrapparsi alle bandiere si dedichi ai cittadini che dovrebbe amministrare. Una singola ristretta minoranza rappresentata da quel vessillo non deve avere la precedenza sulla maggioranza della popolazione - conclude Antonini. 
 La sfida al governo da parte di Pascucci - sulla falsa riga dei sindaci rossi - è impraticabile dal punto di vista legale".
"Chi ne fa una questione faziosamente politica - spiega Francesco Rossetti, responsabile locale di CasaPound per Cerveteri e Ladispoli,non ha compreso, o è in malafede, perché qui si parla soprattutto del rispetto di norme e istituzioni, sopra le quali, in uno Stato di diritto, nessuno può porsi, tanto meno l’arroganza di un sindaco".

Nessun commento:

Posta un commento

Banner pubblcitario 700