Processo per Pamela, blitz di Forza Nuova nei tribunali di tutta Italia - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Post Top Ad

Post Top Ad

lunedì 26 novembre 2018

Processo per Pamela, blitz di Forza Nuova nei tribunali di tutta Italia

Blitz notturno di Forza Nuova per l'inizio del processo a Macerata per la morte di Pamela. All'ingresso di decine di Tribunali d'Italia (da Milano a Bergamo, da Palermo a Catania) sono stati trovati attaccati con nastro adesivo manifesti in vio formato, dall'A3 ai 6x3 a colori, riportanti il simbolo di Forza Nuova, con la frase "Ecco il risultato della vostra integrazione". Sullo sfondo l’immagine di una giovane donna, a terra e che appare ormai senza vita, completamente insanguinata e tenuta per il collo da un uomo corpulento e dalla pelle che appare di colore scuro. In fondo al volantino l’hasthag: #giustiziaperpamela
Questo il testo del volantino diffuso dal Dipartimento femminile del movimento nazionalpopolare:

"Anche se tutte, noi no". Giustizia per Pamela

“Un giorno all’anno per ricordare le vittime di violenza non basta, non è sufficiente a lavarsi la coscienza per i restanti 364. Non esiste il femminicidio, ma il delitto di un essere umano; non c’è differenza tra i carnefici, lo sono tutti in egual misura. Solo le cosiddette femministe, accecate da odio profondo, potevano intestarsi una guerra indiscriminata rivolgendola esclusivamente contro “l’uomo bianco, padrone e sessista”. 
Ma gli efferati delitti di Desirée e Pamela, e le decine di stupri e violenze quotidiane perpetrati dagli immigrati, fanno saltare il banco. 
“Non si può insabbiare la verità e tacere sui crimini prodotti dalla pseudo accoglienza. In questi casi, incredibilmente, scompare la lotta contro il genere maschile e si lascia il campo ad assurde giustificazioni basate sulla cultura, sugli usi e costumi e sull’ignoranza della legge da parte dei massacratori trasformati in vittime.
Ma, anche se tutte, noi no! Mentre le care femministe hanno già riposto nel cassetto dell’omertà indignazione e rabbia, tornando alla routine di tutti i giorni, noi donne forzanoviste, questa mattina, saremo a fianco di Alessandra fuori dal tribunale per chiedere verità e giustizia per sua figlia Pamela, vittima della violenza di bestie nigeriane i cui complici sono istituzioni, logge massoniche, magistratura ed associazionismo partigiano”.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700