Fiumicino, Silvestroni (FdI): "ai crocifissi tolti rispondiamo con l'apertura di un altro circolo" - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Post Top Ad

Post Top Ad

domenica 18 novembre 2018

Fiumicino, Silvestroni (FdI): "ai crocifissi tolti rispondiamo con l'apertura di un altro circolo"

Sembra destinato a tenere banco il caso scoppiato in questi giorni a Fiumicino per i Crocefissi rimossi dalle aule di una scuola elementare, “per non urtare - questa sarebbe la motivazione - la sensibilità di chi non è cristiano”. La vicenda, portata alla luce dalla Lega, è rimbalzata agli onori della cronaca catturando anche l'attenzione di giornali nazionali e tv e scatenando una serie di interventi e polemiche che non sembrano destinate a sgonfiarsi nel breve, visto l'approssimarsi delle festività natalizie, diventate, in questi anni, un periodo caldo per i simboli religiosi e le tradizioni cristiane. A far riaccendere gli animi c'ha pensato il deputato e segretario provinciale di FdI, Marco Silvestroni, in occasione dell'inaugurazione di un nuovo circolo di Fratelli D'Italia nella città di Fiumicino. Silvestroni ha così esordito nel suo intervento  inaugurale alla presenza di dirigenti, militanti e sostenitori del partito: «Qualcuno da Fiumicino vuole togliere i crocifissi noi oggi rispondiamo con l'apertura di un altro circolo "Fiumicino per Giorgia Meloni" e rilanciamo storia, tradizioni e buon senso. Si riparte e si ricomincia a costruire per tornare a vincere anche a Fiumicino sin dalle prossime europee. Prima di tutto gli italiani e prima quelli più fragili». 

Il segretario della Federazione provinciale di Roma di Fratelli D'Italia ha poi continuato il suo intervento parlando del governo gialloverde, della legge finanziaria che giudica "poco di centrodestra", di reddito di cittadinanza e della mancata crescita del Paese: «Stiamo discutendo alla Camera dei Deputati la finanziaria - ha detto Silvestroni - e c'è troppo poco del programma elettorale di quel centro destra che a marzo ha vinto le elezioni. C'è una Italia da salvare e non si salverà con 9 miliardi sul reddito di cittadinanza ma liberando energie per la crescita e la ricchezza e si fa con meno burocrazia con meno tasse e ridando dignità a un milione di persone che vivono con 278 euro di pensione di invalidità. Saluto e ringrazio il portavoce Alessio Territo, i fratelli Russo, Faieta e Cavalli, la dirigente di Fratelli d'Italia Veronica Felici, Romeo De Angelis dirigente Nazionale, il nostro Consigliere Regionale on. Giancarlo Righini, il Capogruppo di Fdi in comune Alessio Coronas e i tanti nuovi iscritti presenti e grazie per il loro entusiasmo».

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700