Via il Crocefisso dalla scuola elementare di Fiumicino. La protesta del senatore della Lega De Vecchis - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Post Top Ad

Post Top Ad

sabato 17 novembre 2018

Via il Crocefisso dalla scuola elementare di Fiumicino. La protesta del senatore della Lega De Vecchis

Risultati immagini per via crocifisso dalla scuola
Il Crocefisso non si tocca! Dopo essere venuto a conoscenza che nel plesso scolastico di via Rodano a Fiumicino sono stati tolti i simboli religiosi dalle pareti della scuola elementare, il senatore della Lega, William De Vecchis, non ha esitato a denunciare l'accaduto e a dar voce alle proteste dei genitori, come riporta per primo il quotidiano laziale Il Faro on line.

«Lo scorso 8 novembre, in una riunione all'interno della scuola alcuni genitori si sono accorti che da qualche classe erano spariti i crocifissi, simboli della cristianità e della nostra cultura – dichiara il senatore De Vecchis in una nota - alle richieste di chiarimenti, la risposta è stata che l'eliminazione del Crocifisso era stata decisa per non mettere in imbarazzo i bambini di fede mussulmana presenti nell'istituto.

Una scelta che non condivido, - afferma il senatore della Lega - che per tutelare le esigenze di alcuni, mortifica i sentimenti di molti. Il Crocifisso è un simbolo che da sempre accompagna l'educazione dei nostri figli, incarna i valori che hanno affiancato la crescita storica del nostro Paese. Aggiungo di più: anche in una concezione laica, nessuno ha mai messo in discussione il valore del Crocifisso, pur mantenendo ogni famiglia una propria linea e un proprio credo. Ora però, per strizzare l'occhio ad un modo distorto di intendere l'accoglienza, si abdicano a valori, prassi e sentimenti popolari degli italiani per strizzare l'occhio ad altre culture.

Non è questo il senso dell'accoglienza e dello scambio culturale – prosegue De Vecchis - lo scambio esiste proprio in funzione di una diversità, accolta dall'altro e accettata da entrambi. Omologare noi stessi a tradizioni o religioni altrui non favorisce lo scambio, lo impoverisce. Per non parlare del principio di reciprocità per il quale ognuno dovrebbe assumere lo stesso atteggiamento nei confronti dell'altro, cosa che è evidente a tutti non accade quando noi ci rechiamo in Paesi musulmani. Li, per rispetto, ci adeguiamo ad usi e costumi che la società e la religione impongono, ed è giusto così. Non si capisce perché al contrario, qui in Italia, c'è chi non capisce questo passaggio e non offre, agli stranieri o ai seguaci di altre Fedi, la nostra peculiarità come un valore» ha concluso il Senatore De Vecchis.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700