26 ottobre 1947, nasce Walter Spedicato, il "vecchio" di Terza Posizione - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Post Top Ad

Post Top Ad

venerdì 26 ottobre 2018

26 ottobre 1947, nasce Walter Spedicato, il "vecchio" di Terza Posizione

Oggi Walter Spedicato compirebbe 71 anni, essendo nato il 26 ottobre 1947 in provincia di Lecce. Purtroppo se n'è andato troppo presto, il 9 maggio 1992, ancora esule a Parigi. La distanza dalla Patria, dalla sua terra, dalla famiglia lo straziavano. Così è morto, giovane, di crepacuore, da innocente. Qui vi racconto, riprendendo un vecchio post di Fascinazione, la "nostra" storia, che è poi l'innesco di tutto il mio viaggio nell'abisso.

Tutto comincia da un episodio minore del terrorismo italiano, un fallito attentato "alla libanese" davanti alla Questura di Milano. Un'autobomba abbandonata in via Fatebenefratelli, alla vigilia di Ferragosto, da anarchici insurrezionalisti (un gruppo che opera ancora sotto traccia) non esplode.

Su questo fallimento si innesca, un paio di giorni dopo, il tentativo provocatorio di attribuirne la paternità al fascista di turno. Questa volta si tratta di Walter Spedicato, il "vecchio" di Terza posizione, latitante da 8 anni in Francia (tranne qualche mese dell'82 trascorso in Italia nel generoso e folle tentativo di resuscitare il gruppo ormai schiacciato dalla repressione). Un ignoto telefonista dice di riconoscere nell'identikit il suo volto. In questo caso, però, quel diavoletto del disegnatore della polizia, è il caso di dire, ha fatto i coperchi ma non le pentole.

A mettere in crisi il tentativo di intossicazione è la rigida dieta a cui il latitante si è sottoposto per anni. Dall'ultima foto disponibile in questura è infatti dimagrito di una decina di chili, frutto degli stenti patiti nei primi anni di latitanza, per il suo rifiuto non solo di partecipare al "circo delle rapine" ma anche di godere dei benefici che camerati generosi erano disposti comunque ad assicurargli. Ma a quel punto la storia sarebbe potuta andare avanti per anni: ancora non si sa, e ne sono passati 36, chi ha diffuso identikit ricalcati sulle foto segnaletiche di Giancarlo Esposti (senza barba) e di Cesare Ferri in occasione delle stragi di Brescia e dell'Italicus. LEGGI TUTTO

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700