mercoledì 12 settembre 2018

Sassari, saluti romani al funerale. La Procura chiede ulteriori accertamenti alla Digos

La Procura della Repubblica di Sassari ha affidato alla Digos ulteriori accertamenti sull'episodio del saluto romano, con tanto di picchetto e chiamata del presente, avvenuto lo scorso 2 settembre sul sagrato della chiesa di San Giuseppe a Sassari in occasione del funerale del docente universitario Giampiero Todini.

Per quelle esequie il procuratore capo Gianni Caria ed il suo sostituto Paolo Piras hanno iscritto, nel registro degli indagati, ben 23 persone, fra cui Luigi Todini, figlio del defunto, e Andrea Farris, responsabile cittadino di Casa Pound.
L'ipotesi di reato contestata, al momento, è quella di partecipazione a manifestazioni fasciste. Reato previsto dall'articolo 5 della Legga Scelba.
Gli accertamenti richiesta dalla Procura riguardano l'identificazione di altre persone, oltre alle 23 già indagate, che hanno fatto il saluto romano, ma sono rivolte a verificare se esista un gruppo organizzato e quali, eventualmente, siano le sue attività.

1 commenti:

Ma si è già espressa la corte suprema che non è apologia ma stiamo scherzando ogni procura si fa le leggi a suo piacere.

Posta un commento