venerdì 14 settembre 2018

Con la discesa in campo di Caio Giulio Cesare 2 Mussolini in lista alle Europee

(G.p) Caio Giulio Cesare Mussolini, pro nipote del Duce, nipote di Vittorio e figlio di Guido, sarà tra i protagonisti della seconda edizione di Legio il campo organizzato da Gioventù Nazionale, movimento giovanile di Fratelli d'Italia che si terrà nei giorni di sabato 6 e domenica 7 ottobre presso Fondo Italia, bene confiscato alla camorra, sito a Giugliano in Campania, popoloso e popolare comune dell'hinterland partenopeo.
La manifestazione prevede una serie di dibattiti politici ai quali parteciperanno esponenti politici di tutti i partiti italiani dal Partito Democratico alla Lega passando per il Movimento Cinque Stelle alternati a momenti di sport, musica e cultura.
Ad un dibattito, previsto nella giornata di sabato 6 ottobre, moderato dal collega Alessandro Sansoni, sul tema dell'identità nazionale Caio Giulio Cesare Mussolini si confronterà con l'onorevole Giovanni Donzelli di Fratelli d'Italia, l'onorevole Gianluca Cantalamessa della Lega, Luciano Schifone già europarlamentare di Alleanza Nazionale, Fabio Roscani segretario nazionale di Gioventù Nazionale.
Una discesa in campo, quella di Caio Giulio Cesare Mussolini, presenziando ad un dibattito, in qualità di relatore, sull'Identità Nazionale, che giunge dopo la partecipazione, al secondo congresso nazionale di Fratelli d'Italia avvenuto lo scorso 2-3 dicembre a Trieste, dalla quale potrebbe scaturire un suo impegno diretto in politico, magari alle prossime elezioni europee, previste per domenica 26 maggio nel collegio Italia meridionale che comprende l'Abruzzo, il Molise, la Campania, la Basilicata, la Calabria, la Puglia.
Una discesa in campo, non certo delle più comode, anche alla luce di una probabile candidatura della cugina Alessandra, già parlamentare europea eletta nel 2004 con Alternativa Sociale, il cartello elettorale composto da Libertà d'Azione, Forza Nuova e Fronte Nazionale e candidata nel 2014 ed eletta a furor di popolo, grazie ad oltre 80 mila voti di preferenze con Forza Italia, questa volta, quasi sicuramente, salvo sorprese dell'ultima ora, nelle file della Lega 3,0 sovranista e nazionalista di Matteo Salvini.

0 commenti:

Posta un commento