Insulti razzisti, Salvini attacca Trenord: la priorità è la sicurezza dei passeggeri - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Post Top Ad

Post Top Ad

giovedì 9 agosto 2018

Insulti razzisti, Salvini attacca Trenord: la priorità è la sicurezza dei passeggeri



"Invece di preoccuparsi per le aggressioni a passeggeri, controllori e capitreno, qualcuno si preoccupa dei messaggi contro i molestatori... #Viaggiaresicuri è una priorità!". Lo scrive di twitter il ministro dell'Interno Matteo Salvini sul messaggio diffuso attraverso l'altoparlante da una dipendente di Trenord sul treno Milano-Cremona-Mantova che invitava a non dare monete ai molestatori e gli "zingari a scendere perche hanno rotto i c...".
Il leader della Lega si schiera così a difesa della dipendente che rischia il licenziamento per aver diffuso attraverso l'altoparlante del treno Milano-Cremona-Mantova il messaggio a sfondo razzista. Trenord ha concluso l'inchiesta avviata dopo la segnalazione di alcuni passeggeri. Individuata l'autrice, sono al vaglio i provvedimenti: la sanzione può arrivare al licenziamento.

 "I passeggeri sono pregati di non dare monete ai molestatori Scendete perché avete rotto. E nemmeno agli zingari: scendete alla prossima fermata, perché avete rotto i coglioni". È questo il messaggio, lanciato da una voce femminile attraverso gli altoparlanti di bordo, che hanno sentito ieri i passeggeri del regionale '2653', che parte alle 12,20 da Milano per Cremona e Mantova. Sono stati numerosi i passeggeri a raccontare l'episodio sui social e a informare via mail Trenord. Trenord giudica "grave e inqualificabile" quanto è stato stato riportato dai passeggeri. "Ringraziamo il cliente per la pronta segnalazione. Quanto riportato è grave e inqualificabile - è scritto in una nota -. Abbiamo prontamente avviato inchiesta interna ad esito della quale adotteremo i provvedimenti necessari".

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700