martedì 24 luglio 2018

Villa di Briano, in arrivo altri 100 migranti. La protesta del sindaco e di Fratelli d'Italia

(G.p)Villa di Briano è un comune di poco più di 7 mila abitanti della provincia di Caserta ed è al centro di un agglomerato detto agro aversano.
Rappresenta la classica piccola cittadina a vocazione agricola come tante della cosiddetta Terra di Lavoro e del sud Italia.
In questo territorio sono già presenti e pienamente integrati un buon numero di cittadini stranieri, di varie etnie, per lo più nordafricani dediti al lavoro nei campi, ed ospita già dei migranti.
Già lo scorso mese di gennaio la Prefettura aveva dato parere favorevole alla Società Impatto Sociale per accogliere ben 100 immigrati, in una struttura, sita in via Kruscev, ma in quell'occasione i migranti non giunsero in paese perché un incendio colpì le strutture che dovevano accoglierli.
Nella giornata di lunedì 23 luglio il Prefetto di Caserta ha contatto il sindaco di Villa di Briano, Luigi Della Corte, eletto alle scorse comunali in una lista civica di area centro destra denominata la Voce dei Brianesi, per avvisarlo che nella giornata di martedì 24 luglio in città arriveranno 100 migranti che saranno sistemati in due civici, in via Kruscev.

L'amministrazione comunale ha invitato tutta la cittadinanza ad unirsi ad un sit in, tutt'ora in corsa allestito nella strada dove andranno a vivere i migranti, al fine di tutelare la sicurezza e la salute dei cittadini del piccolo comune dell'agro aversano.
Al fianco del sindaco Luigi Della Corte e della cittadinanza di Villa di Briano si è schierato  senza se e senza, Gimmy Cangiano, segretario regionale di Fratelli d'Italia, il più votato alle scorse elezioni regionali nel partito guidato da Giorgia Meloni con oltre 6700 voti di preferenza, candidato capolista alle prossime elezioni politiche nel collegio plurinominale Caserta 2 che intervistato telefonicamente  ha dichiarato: "l'arrivo di 100 migranti nel territorio di Villa di Briano rappresenta un danno per la cittadinanza in materia di ordine pubblico. Una cittadinanza che reclama il sacro santo diritto a vivere in sicurezza.

0 commenti:

Posta un commento