Roma il blitz pro Palestina di Forza Nuova al Giro d'Italia - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Post Top Ad

Post Top Ad

domenica 27 maggio 2018

Roma il blitz pro Palestina di Forza Nuova al Giro d'Italia


Chris Froome ha vinto il  Giro d'Italia di ciclismo, che si è concluso oggi a Roma, con la tappa numero 21, che è stata neutralizzata di sette giri per una richiesta dei corridori per via del manto stradale ritenuto pericoloso. E' la prima vittoria del corridore inglese, che ha già vinto quattro Tour e una Vuelta. Fin qui la cronaca sportiva. 
Anche in occasione dell'ultima tappa del Giro, partito quest'anno da Israele, non poteva non esserci manifestazioni di solidarietà al popolo palestinese. Questa volta ad esprimere vicinanza ideale al popolo palestinese, con l'esposizione di uno striscione Boicotta il Giro, Palestina libera, sono i militanti romani di Forza Nuova.
Il senso di questa iniziativa di boicottaggio del Giro d'Italia ci viene chiarito da un comunicato stampa, che riportiamo per intero.



In barba a Questura, Digos, zone rosse e militarizzazioni varie abbiamo violato ogni misura di sicurezza e "conquistato" piazza del Popolo, da dove oggi partiva l'ultima tappa del Giro d'Italia.
"Boicotta il Giro, Palestina libera" gridava il nostro striscione dalla terrazza del Pincio e bandiere della palestina hanno sventolato contro questo Giro sporco di sangue.
Forza Nuova Roma esprime la totale ed incondizionata solidarietà al popolo palestinese in lotta per la propria libertà.
Roma non sarà mai nè la città dei manganelli e dei blindati, nè del sangue sionista.
Tanto meno della viltà dei compagni che giocano a fare gli oppositori manifestando tanti giorni prima questo evento e ben lontani dal pericolo della repressione. Dimostrando ancora una volta di essere solamente gli utili idioti strumento del sistema.
Lasciamo nell'oblio il silenzio dei destrorsi alla ricerca del consenso leghista.
Roma, città di pace e culla di Civiltà, non poteva tollerare che nessuno manifestastasse il disappunto su questo Giro della vergogna.

PALESTINA LIBERA! Giuliano, Simone e Consuelo liberi!

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700