martedì 8 maggio 2018

Casamonica perchè la destra non scende in campo contro questa piaga

Risultati immagini per aggressione casamonica disabile  roma
di Alessandro Ambrosini

Il fatto avvenuto alla Romanina, quartiere romano storicamente in mano al clan dei Casamonica, non interessa a nessuna formazione politica di destra o di quella che giornalisticamente viene definita l’estrema destra. Un fatto curioso per chi nei quartieri cerca di difendere il cittadino romano dai danni dell’immigrazione e della mala politica. Eppure è evidente la totale assenza di una posizione, la mancanza di volontà nello schierarsi verso una delle piaghe bibliche che affligge Roma. 
Una ragazza, oltretutto disabile, è riuscita in ciò che molti non si sono mai sognati. E’ vero che i Casamonica sono una moltitudine, che sono pericolosi e letali, che dovrebbe essere una prerogativa delle forze dell’ordine risolvere questo genere di problemi. Ma è anche vero che è una battaglia sacrosanta, che la vita stessa dei cittadini è molto più compromessa da questo genere di personaggi che non dalle schiere di immigrati che delinquono. 
Da sottolineare poi che molti dei “rifugiati” sono manovalanza del clan. E allora cos’è che da sempre frena il mondo della destra dallo schierarsi in modo forte e deciso? Che riconoscimento è stato dato a questo clan da renderlo inattaccabile da chi difende Roma e i romani? Oltre al traffico e allo spaccio di stupefacenti, oltre all’usura, all’estorsione di cosa si devono occupare i Casamonica per far si che un mondo abituato a combattere in strada prenda almeno una posizione? Almeno politica.

1 commenti:

" un mondo abituato a combattere in strada" ?!?!
L'estrema destra italiota? Giusto negli stadi, possono andare, a 'combattere' per vedere 22 deficienti gonfi di soldi e di boria...
Senza contare la vecchia fascinazione neo fascista (?) per il delinquente, un sacrilegio per un uomo di Destra.
O magari hanno solo paura, visto che questi 'eroi' riescono a prenderle anche dagli invertiti dei centri sociali...

Posta un commento