mercoledì 18 aprile 2018

Pistoia, CasaPound contesta la Boldrini e don Biancalani: chiudere i centri d'accoglienza

Uscire dallo Sprar chiudere i centri di accoglienza. Questo è il titolo della manifestazione organizzata per sabato 21 aprile dalle 11 alle 13 in piazza San Francesco a Pistoia, da Casa Pound Italia, in concomitanza con la presenza in città dell'ex Presidente della Camera Laura Boldrini, rieletta deputato nelle file di Liberi ed Uguali, ospite nella parrocchia di don Massimo Biancalani, il prete impegnato nell'accoglienza ai migranti.

Il senso della manifestazione di Casa Pound Italia, ci viene chiarito, con maggiori dettagli, da una nota, diffusa alla stampa, che pubblichiamo per intero.

Dopo i continui arresti di cittadini stranieri per spaccio di droga, lo scandalo ‘White Wash’ con il favoreggiamento dell’immigrazione clandestina da parte di funzionari pubblici e la crescente insofferenza cittadina verso il problema dell’immigrazione irregolare e chi ci specula sopra per interesse economico e/o visibilità personale, abbiamo deciso di scendere in strada a ribadire con fermezza la nostra posizione: stop immigrazione, uscire dal progetto Sprar e maggiori controlli sui centri di accoglienza con immediata chiusura di tutti quelli non a norma. Su questi temi ci piacerebbe conoscere anche il parere dell'amministrazione comunale, in particolare del Sindaco che fino ad oggi non ha ancora espresso una posizione chiara in merito.
La data che abbiamo scelto per la manifestazione non è casuale. Sabato infatti l'ex-presidente della Camera Laura Boldrini, attuale parlamentare di 'Liberi e Uguali', sarà ospite a Vicofaro di Massimo Biancalani: due personaggi simbolo della sinistra che sogna di sostituire gli italiani con i migranti. Vicofaro inoltre è da tempo al centro di polemiche per la numerosa presenza di immigrati irregolari, più volte protagonisti di risse e traffico di droga. La nostra manifestazione avrebbe dovuto svolgersi proprio in Santa Maria Maggiore ma la Questura ha deciso nei giorni scorsi di negarci il permesso, adducendo motivazioni così pretestuose da far pensare ad una scelta dovuta a pressioni politiche. Noi sabato saremo comunque in Piazza San Francesco dalle ore 11 alle 13 ed invitiamo tutti i pistoiesi a partecipare".

0 commenti:

Posta un commento