La provincia autonoma di Trento nega il patrocinio al gay pride. Il plauso di Forza Nuova - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Post Top Ad

Post Top Ad

mercoledì 4 aprile 2018

La provincia autonoma di Trento nega il patrocinio al gay pride. Il plauso di Forza Nuova

Il prossimo 9 giugno a Trento si svolgerà il Dolomiti Pride, una manifestazione per i diritti delle persone omosessuali, bisessuali, transessuali, organizzata dal locale coordinamento dell'Arcigay.
Una manifestazione che gode del patrocinio  del comune di Trento, governato da una amministrazione di centro sinistra guidata dal sindaco Alessandro Andreatta espressione del Partito Democratico e non della provincia autonoma di Trento che ha negato il patrocinio alla manifestazione spiegando che la parata nel centro della città assume un aspetto più di folclore e di esibizionismo che sicuramente non apporta alcun contributo alla crescita ed alla valorizzazione della società trentina e della sua immagine.
Parole chiare ed inequivocabili, quelle pronunciate dal presidente della provincia Autonoma di Trento, Ugo Rossi, eletto nel 2013 grazie ai voti di una coalizione di centro sinistra ed espressione del Partito Autonomista Trentino Tirolese che trovano il plauso anche di Roberto Fiore, segretario nazionale di Forza Nuova e candidato premier alle ultime elezioni politiche per il cartello elettorale Italia agli Italiani, che dal proprio profilo Twitter precisa : l'Arci Gay parla di omofobia istituzionalizzata. Per noi è un primo passo in direzione di un ritorno delle istituzioni alla sanità mentale. Perchè si dovrebbe concedere il patrocinio a una parata volgare ed esibizionistica quando al carnevale mancano 11 mesi?».

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700