martedì 27 marzo 2018

La riconversione del monumento di Pontecorvo: da stele della vergogna a ricordo delle vittime delle marocchinate

A Pontecorvo, comune di poco più di 13 mila abitanti in provincia di Frosinone, il monumento dedicato alle truppe marocchine che il 17 maggio del 1943 devastarono, rubarono, razziarono, violentarono e uccisero circa 3500 donne, di età compresa tra gli 8 e gli 85 anni e molti uomini che cercarono, invano, di proteggere le loro donne, finendo impalati, distrutto nella notte tra sabato 24 e domenica 25 marzo, gesto rivendicato con un comunicato da Rivolta Nazionale, sarà riconvertito e dedicato alle vittime delle Marocchinate.
Il primo cittadino e 14 consiglieri di Pontecorvo hanno aderito alla richiesta in tal senso avanzata da Emiliano Ciotti, presidente dell'Associazione Vittime delle Marocchinate, disposta a sostenere, a proprie spese, la ristrutturazione del monumento.
La stele fu voluta dall'amministrazione comunale nel 2002 con delibera di Giunta n 105 del 17 maggio 2002 e da allora fu oggetto di infinite polemiche politiche e deturpazioni, fino all'ultimo atto, la distruzione della stele nell'ultimo fine settimana.

0 commenti:

Posta un commento