venerdì 16 febbraio 2018

Venezia: presidio antagonista contro il comizio di Forza Nuova


Fuori il terrorismo da Venezia, il variegato popolo antifascista della sinistra antagonista dei centri sociali di Venezia risponde con questo slogan e con un presidio davanti alla stazione di Santa Lucia al comizio di Italia agli Italiani, il cartello elettorale composto da Forza Nuova e Fiamma Tricolore che ha organizzato un comizio per presentare, domenica pomeriggio alle 16, i suoi candidati in Veneto alle elezioni politiche previste per domenica 4 marzo.
Il presidio antifascista è previsto per le ore 14 in fondamenta Santa Lucia.

Uno dei promotori del presidio antifascista è Tommaso Cacciari, leader del centro sociale Morion che dichiara : "tutti sanno che noi siamo, in maniera radicale contro i fascisti. E il comizio a San Geremia non ci deve essere. Il fascismo in Italia è fuorilegge e siamo l'unico paese nel quale il terrorismo è bianco e di matrice fascista e non jihadista.
Questi di Forza Nuova, precisa Cacciare, vogliono dare la tutela legale a uno che ha sparato per uccidere persone di colore come un terrorista che in nome di un Dio uccide degli inermi. E' come se qualche associazione avesse offerto la tutela legale ai terroristi assassini del Bataclan, ricorda Cacciari.
Domenica c'è stata la grande manifestazione di Macerata, noi  siamo fiduciosi che anche Venezia risponderà alla grande.Già numerose associazioni, non solo veneziane, hanno aderito al presidio. Domenica ci sarà una grande risposta democratica al terrorismo fascista  perché Traini, uno di loro, ha compiuto null'altro che un atto terroristico.
Di tutt'altro avviso è Andrea Visentin, coordinatore regionale del Veneto di Forza Nuova che dichiara: "finalmente dopo l’ordinanza prefettizia che vietava la nostra presenza a Campo San Geremia per via del Carnevale, domenica alle 16 potremmo presentare i nostri candidati anche a Venezia.
 «Apprendo dalla stampa che dopo la dichiarazione di Tommaso Cacciari nel voler impedire il nostro comizio ad ogni costo, si presumono degli scontri. È mia premura conclude Visentin quindi rassicurare i cittadini che da parte di Forza Nuova non vi è alcuna intenzione di turbare la quiete pubblica, ma in caso di aggressione sapremmo rispondere».

0 commenti:

Posta un commento