venerdì 16 febbraio 2018

Strage in Florida/2. Il giovane suprematista, orfano dei genitori adottivi, era in terapia


ABC News ha ricostruito, sulla base della testimonianza dell'Adl,  i legami del presunto responsabile dell'omicidio di massa nel liceo della florida con i suprematisti bianchi della Repubblica di Florida e la personalità del giovane, orfano dei genitori adottivi e in terapia, noto nell'ambiente scolastico per la sua propensione alla violenza. Ecco il servizio.  



L'Anti-Defamation League, un cane da guardia per i diritti civili, ha dichiarato ad ABC News di aver  informazioni ritenute credibili che collegando Nikolas Cruz, sospettato di essere il responsabile della sparatoria nella scuola della Florida, a un gruppo di suprematisti bianchi chiamato Republic of Florida. Secondo l'ADL il leader della ROF Jordan Jereb ha dichiarato che Cruz era associato al suo gruppo ma 
che ROF non aveva ordinato a Cruz di intraprendere un'azione del genere. Jereb, che vive a Tallahassee, ha detto che Cruz è stato inserito nel gruppo da un altro membro e ha partecipato a uno o più sedute di addestramento ROF nell'area di Tallahassee. I funzionari delle forze dell'ordine non hanno confermato il collegamento. 

ROF ha per lo più giovani membri nel nord e nel sud della Florida e si descrive come un' "organizzazione bianca per i diritti civili che lotta per una politica identitaria bianca"  cercando di creare un "stato etnico bianco" in Florida. Tre ex compagni di scuola di Cruz hanno detto a ABC News che Cruz faceva parte del gruppo. Sostenevano di aver marciato spesso con il gruppo e che frequentemente si vedeva con Jereb. Questi ha, a sua volta, confermato ad ABC News che Cruz era, almeno ad un certo punto, parte di quel gruppo. Jereb ha detto a ABC News che non ha parlato con Cruz da "qualche tempo" ma che "sapeva che avrebbe ricevuto questa chiamata". Non ha voluto commentare ulteriormente, ma ha sottolineato che il suo gruppo non è un'organizzazione terroristica.
Le autorità stanno ancora indagando sul perché Cruz abbia aperto il fuoco davanti alla Marjory Stoneman Douglas High School a Parkland, in Florida, mercoledì, uccidendo 17 persone. I familiari, i compagni di classe e gli ex amici hanno descritto Cruz, un ex studente di 19 anni, un adolescente tormentato che era in gran parte solo al mondo quando ha attraversato la scuola portando un fucile AR-15. È stato in grado di lasciare la scuola dopo il raid mescolandosi con altri studenti che stavano cercando di fuggire, ma è stato arrestato poco dopo. Ha risposto alle domande degli investigatori che lavorano sul caso. Cruz è stato adottato da bambino, ma ha vissuto con la famiglia di un compagno di classe dopo la morte improvvisa della madre adottiva alla fine dell'anno scorso. Il padre adottivo è morto nel 2005. In un'intervista con George Stephanopoulos di ABC News, un avvocato della famiglia che ha assunto Cruz, negli ultimi mesi ha detto che Cruz era "depresso" in seguito alla morte di sua madre, ma che stava andando in terapia. La famiglia è ancora "scioccata" per il fatto che Cruz avrebbe commesso violenze di massa. Sapevano che Cruz era in possesso di un'arma d'assalto di tipo militare. Hanno insistito che fosse chiuso in una cassaforte. "Hanno indicato di non aver visto nulla di simile in arrivo", ha detto Lewis. "Non hanno mai visto nessuna rabbia, nessun brutto presentimento per la scuola". Due ufficiali delle forze dell'ordine hanno dichiarato che l'ABC News era stata legalmente acquistata da Cruz nell'ultimo anno da un concessionario federale.
Uno studente ha dichiarato a ABC News di aver partecipato a Junior ROTC con Cruz e lo ha descritto come uno "psicopatico". Cruz era un noto appassionato di armi e una volta ha provato a vendere coltelli a un compagno di classe. "L'ha portato in casa ed era protetto da una pistola chiusa a chiave", ha detto Lewis. "Questa era la condizione in cui era venuto a casa loro che la pistola fosse chiusa a chiave". Gli ex compagni di classe di Cruz, tuttavia, sono meno sorpresi. Uno studente ha detto che Cruz anche una volta ha minacciato di "sparare" alla scuola. Un altro studente ha detto a ABC News che prima che Cruz venisse espulso dalla scuola gli era stato proibito di portare uno zaino nel campus. Il compagno di classe ha detto che la regola è stata messa in atto dopo che la scuola ha trovato bossoli nella sua borsa dopo un litigio con un altro studente.
Giovedì, l'FBI ha rilasciato una dichiarazione in cui affermava di essere stata avvisata nel 2017 di una minaccia su YouTube da parte di qualcuno che diceva "Sarò uno sparatutto scolastico". "Circa un anno fa l'ho visto sconvolto al mattino", ha detto lo studente Brent Black a ABC News. "E io ero tipo, 'tu cosa hai che non va?' E lui era come 'umm, non lo so.' E io ero tipo 'che succede a te?' È come se "giuro su Dio che sparerò su questa scuola". E poi mi è sembrato di 'vedere quello che stai dicendo intorno a me', e poi l'ho lasciato dopo. È venuto da me più tardi e mi ha chiesto scusa per quello che ha detto".
"Nel settembre 2017, l'FBI ha ricevuto informazioni su un commento fatto su un canale di YouTube. Il commento ha detto:" Sarò uno sparatutto professionista". Nessuna altra informazione è stata inclusa nel commento che indicherebbe un momento particolare, posizione, o la vera identità della persona che ha pubblicato il commento. L'FBI ha condotto revisioni di database e altri controlli, ma non è stato in grado di identificare ulteriormente la persona che ha pubblicato il commento"."
Secondo lo sceriffo Scott Israel della contea di Broward, gli investigatori hanno già trovato alcuni contenuti "inquietanti" sui social media che potrebbero aver fornito segnali di allarme. "Abbiamo già iniziato a dissezionare i suoi siti web e le cose sui social media su cui si trovava, e alcune delle cose che mi vengono in mente sono molto, molto inquietanti", ha detto Israel. Questa foto pubblicata su un account Instagram dicono ad ABC News che il sospettato sparatutto mostra un giovane che espone un arsenale di armi.

0 commenti:

Posta un commento