Mangiaracina esce da Forza Nuova. Cabras: la lotta continua anche a Massa - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Post Top Ad

Post Top Ad

mercoledì 24 gennaio 2018

Mangiaracina esce da Forza Nuova. Cabras: la lotta continua anche a Massa

Nelle organizzazioni complesse tutti sono utili, nessuno è indispensabile. E' la dura lezione su cui sta meditando Francesco Mangiaracina (a sinistra nella foto). Dopo dodici anni alla guida di Forza Nuova Lucca, e un periodo di guida del movimento a livello regionale, con i camerati della sua comunità ha deciso di rompere con l'organizzazione nazionale per dare vita a un progetto dal taglio locale, Massa ai Massesi, e quindi si è sentito autorizzato a proclamare la fine dell'esperienza organizzativa di Forza Nuova nella sua città. 
Immediata la smentita del coordinatore regionale Leonardo Cabras (a destra nella foto), che lo ha sostituito meno di un anno fa al vertice dell'organizzazione in Toscana: la lotta continua. Ecco il botta e risposta tra i due:

MANGIARACINA LASCIA FORZA NUOVA: SI CHIUDE UN CICLO LUNGO 12 ANNI, SCELTA DI GRUPPO, TUTTI UNITI PER PROSEGUIRE NEL PROGETTO LOCALE “TUTTO PER MASSA”


Finisce l’avventura di Forza Nuova a Massa, si chiude un ciclo lungo quasi 12 anni che ha visto la comunità militante legata a Francesco Mangiaracina crescere in maniera importante e centrare obiettivi politici ed elettorali di spessore.
Non è stata una decisione facile o presa a cuor leggero -commenta Francesco Mangiaracina, Presidente di Tutto Per Massa-, abbiamo però vissuto l’ultimo anno di attività riflettendo su quello che abbiamo fatto a livello locale e sulla differente direzione presa dal movimento a livello nazionale. Proprio questa lunga riflessione ci ha fatto prendere la decisione inaspettata, lasciamo Forza Nuova per concentrarci nella battaglia locale proseguendo il nostro percorso militante con il nostro stile e le nostre modalità di azione distanti da quelle utilizzate dal movimento nell’ultimo anno.
Usciamo da FN -dichiara Mangiaracina- per dedicarci al progetto Tutto Per Massa, non abbiamo intenzione, soprattutto in questa fase elettorale, di entrare in altri movimenti nazionali. Abbiamo preso questa decisione comunicandola ai dirigenti nazionali ad inizio anno, continueremo a portare avanti le battaglie di sempre. Continueremo dunque le raccolte e le distribuzioni di generi alimentari, la lotta all’emergenza abitativa al fianco degli italiani in difficoltà, le passeggiate notturne contro i furti nei quartieri e la politica giovanile.
Il progetto Tutto Per Massa -conclude Mangiaracina- non sarà solo una lista civica da presentare alle prossime elezioni comunali ma molto altro, un gruppo composto da uomini e donne di ogni età, slegato dai partiti e che avrà anche una sua componente giovanile, “Ciurma”, guidata da Giovanni Lucchesini e Andrea Benedetti. Un gruppo che continuerà a sostenere circa 25 nuclei familiari in difficoltà che ormai segue e aiuta concretamente da 5 anni, un gruppo che continuerà ad avere la propria storica sede aperta nel centro città nel 2010 e che lancia, in vista delle prossime elezioni amministrative, una sfida importante alla sinistra locale.

#FORZANUOVA: A #MASSA LA LOTTA CONTINUA


"Credo che i giornalisti abbiano decretato un po' troppo velocemente la fine di Forza Nuova a Massa - ironizza Leonardo Cabras, Coordinatore Regionale di FN in Toscana - in quanto non è certo l'uscita di singoli a certificare la morte di un progetto nazional-rivoluzionario con parole d'ordine che oggi sono sulla bocca di tantissimi italiani".
"In tutta Italia la gran parte del popolo ora sa che le nostre battaglie sono le uniche soluzioni per salvare l'Italia", ribadisce Cabras di Forza Nuova, che continua: "Resistenza nazionale contro lo Ius Soli, chiusura e pattugliamento delle frontiere, blocco immigrazione e rimpatrio di tutti gli immigrati, casa e lavoro solo agli italiani, mutuo popolare senza banche e palazzinari, partecipazione dei lavoratori alla gestione delle aziende, difesa della vita e reddito di maternità per aiutare concretamente i genitori, uscita dalla Nato e dall'UE, nazionalizzando la Banca d'Italia e stracciando i diktat europei per conquistare così la sovranità monetaria, politica e militare".
"Queste sono solo alcune delle nostre battaglie - continua Cabras - e noi non molleremo mai finché queste battaglie non le vinceremo: occorre salvare l'Italia, e per questo ci presenteremo alle prossime elezioni con la lista Italia agli Italiani che raccoglie Fiamma Tricolore e tantissimi altri movimenti, locali e nazionali, perché oggi - conclude il Dirigente Forzanovista - tutte le forze sane della Nazione stanno con Forza Nuova".

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700