Caso Tulliani, reporter di La 7 arrestato a Dubai - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Post Top Ad

Post Top Ad

mercoledì 10 gennaio 2018

Caso Tulliani, reporter di La 7 arrestato a Dubai

(G.P) Daniele Bonistalli, l'inviato del programma televisivo Non è l'Arena condotto da Massimo Giletti, di nuovo a Dubai sulle tracce di Giancarlo Tulliani cognato di Gianfranco Fini, ex presidente della Camera dei Deputati ed ultimo presidente di Alleanza Nazionale è stato arrestato.

La scena si ripete uguale a novembre. Solo che questa volta alla polizia si rivolge lei, Federica Papadia, la fidanzata di Giancarlo Tulliani. Si finge spaventata. Inseguita da due stalker. In realtà sono il giornalista inviato de La7, il toscano Daniele Bonistalli, e il suo cameraman. Di nuovo alla ricerca di Giancarlo Tulliani davanti a una palazzina che sarebbe la sua nuova residenza. E i due, scambiati davvero per stalker, vengono portati in commissariato. Vengono, di fatto arrestati.
Alla “Bur Dubai Police Station”, il giornalista originario della Valdinievole, in provincia di Pistoia, viene interrogato insieme al cameraman. I due arrivano alla stazione di polizia intorno alle 17 ora locale. La polizia sequestra l’attrezzatura degli inviati di “Non è l’Arena” e fanno appena in tempo a fare una telefonata. Bonistalli decide di avvertire Massimo Giletti. In qualche modo prova a rassicurarlo nella telefonata che dura pochi attimi, secondo quanto riporta anche il sito del Corriere della Sera «Sto bene, non ti preoccupare, ma adesso non posso più parlare». Poche parole, appunto, ma sufficienti per allertare la Farnesina.
Bonistalli era tornato a Dubai con il cameraman sempre per rintracciare Tulliani per conto dell’Arena, dal momento che il fratello di Elisabetta (la compagna dell’ex presidente della Camera Gianfranco Fini) risulta irreperibile per la giustizia italiana. Lo è dal 20 marzo 2017, da quando è stato impossibile eseguire un mandato di arresto emesso a suo carico il 20 marzo 2017.
Già a novembre, il trentenne Bonistalli era riuscito a rintracciare la coppia Tulliani-Papadia all’aeroporto di Dubai . Qui Tulliani aveva allertato la polizia, ma alla fine si era ritrovato in manette perché, dopo un controllo, gli agenti avevano scoperto l’esistenza di un mandato di cattura internazionale a suo carico.

 Bonistalli aveva passato qualche ora di panico perché gli avevano chiesto 120mila euro per liberarlo, ma alla fine la questione era stata risolta. Ora la denuncia di stalking di Federica Papadia lo ha rimesso di nuovo nei guai.

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700