9 gennaio 1979: l'assalto a Radio Citta Futura - <b>FascinAzione</b>

Non perdere

Post Top Ad

Post Top Ad

mercoledì 10 gennaio 2018

9 gennaio 1979: l'assalto a Radio Citta Futura


Dal libro "Guerrieri" (Immaginapoli, 2004)
La mobilitazione della fascisteria romana per l’anniversario di Acca Larentia è ampia e articolata. Gli unici a chiamarsi fuori è Costruiamo l’azione, che organizza per l’8 gennaio l’assalto al Museo storico della Marina. Un mezzo fallimento perché i pezzi, pur pregiati, trafugati sono, appunto, da collezione, e quindi inutilizzabili. Ma il gruppo non fa testo, spinto così avanti com’è sul terreno della ricerca dell’alleanza con i rossi. La campagna dei Nar, come già per Pistolesi, si concentra contro i media nemici. Il 7 gennaio cinque cinema sono chiusi con il fuoco, per onorare la memoria dei morti. L’8 gennaio un’associazione fascista clandestina lancia un ordigno contro una sede della Rai, rompendo i vetri. L’attacco è rivendicato un quarto d’ora dopo. Un commando tira molotov contro Paese sera. Il 9, quello che doveva rappresentare il punto di svolta nei rapporti con i compagni e che invece si rivela un boomerang. 
Il primo obiettivo era Radio onda rossa, l’emittente degli odiatissimi autonomi di via dei Volsci, poi l’azione è dirottata su Città futura, la radio di Renzo Rossellini vicina ad Avanguardia operaia. Un redattore becero e idiota ricorda agli ascoltatori che è l’anniversario di Acca Larentia, perché “il Msi ha una Ciavatta in meno". L' attentato punta a dare una dimostrazione di efficienza militare che non c’è. Anzi, va tutto storto. Quando il commando – composto da militanti di Monteverde, di via Siena e del Fuan triestino e armato di bombe e mitra – irrompe nella redazione, è in corso una trasmissione autogestita dalle femministe. La circostanza imprevista crea sconcerto: Pucci lancia in anticipo le molotov che, a contatto con i materiali elettrici della radio, provocano un’esplosione, Pedretti preso dal panico si fa scappare la pistola di mano, Valerio Fioravanti, che essendo il più esperto ha il compito dello sfondamento, si attarda non sapendo scegliere la porta. Per bloccare una donna spaventata la sbatte contro un muretto e le tira addosso una mitragliata, poi spara due raffiche contro le altre ragazze che scappano. Sarà anche “un vero ignorante” (la definizione è di Dimitri) ma con una mitraglietta in mano tira come se avesse una normale pistola: pur sparando 29 colpi a raffica ferisce solo alle gambe le cinque vittime, due delle quali in modo grave. Due anni dopo spiegherà ai giudici: 
doveva essere un’operazione piuttosto complessa, cruenta, organizzata militarmente e al tempo stessa aperta a gravi conseguenze, che doveva essere seguita da una rivendicazione che lanciasse un appello per la cessazione della conflittualità tra opposti estremismi...Dovevamo fare un atto di forza nel momento in cui proponevamo un armistizio tra noi giovani per dedicare i nostri sforzi ad altri obiettivi. Il messaggio verso destra era che dovevano finire le sparatorie del sabato sera. 
L'attentato è stigmatizzato da Cla ma trova l'approvazione di Tuti: 
L'originalità politica di questi nuovi militanti nazional-rivoluzionari è dimostrata dal testo del volantino con cui veniva rivendicato l'attentato a Radio Città Futura. In detto volantino, riprendendo frasi e concetti della Disintegrazione del sistema, si individuano nei centri di potere democomunista gli obiettivi da colpire e si arriva a proporre ai giovani militanti comunisti o autonomi una tregua se non addirittura una cobelligeranza contro lo stato borghese. E poi: i metodi di lotta indicati nel saggio La disintegrazione del sistema hanno avuto finalmente la possibilità di essere posti in atto con esito favorevole nell'attuale situazione, ben diversa da quella del '68-'69 ...quando le velleità della destra erano ancora di natura più o meno golpista ... proprio nella lotta contro il fatiscente ed innaturale regime plutomarxista possono trovarsi accomunati i veri uomini differenziati, indipendentemente dalle etichette politiche. 
Ci sono varie rivendicazioni telefoniche: a Paese Sera e all’Ansa da parte dei Nar; al Tempo chi chiama precisa "siamo fascisti", poi detta un volantino di rivendicazione che rilancia l’appello al disarmo bilaterale:
Abbiamo colpito un covo di predicatori di odio, abbiamo colpito duramente ma avremmo potuto essere più pesanti. Abbiamo scelto un bersaglio particolare, perché siamo stufi che siano dei giovani rossi e neri a pagare con la vita le colpe del sistema. Speriamo che i compagni del movimento non si facciano prendere dal nervosismo e rabbie varie ma comincino a ragionare e non si debba più passare fuori da una sezione con una moto a sparare all’impazzata. A Radio Città Futura non è stato perdonato il non avere rispettato il nostro lutto per i camerati uccisi e le continue prediche d’odio.
Uno del commando telefona a Chiamate Roma 3131 per precisare: "Era l’anniversario di Acca Larentia e non abbiamo sparato per ammazzare".

Nessun commento:

Posta un commento

Banner 700