mercoledì 22 novembre 2017

L'unico cittadino onorario di Lucca: Benito Mussolini. La provocazione di Forza Nuova alla cittadinanza simbolica per i figli degli immigrati

(G.p)Lunedì 20 novembre, in occasione della Giornata mondiale dei diritti dell'infanzia e dell'adolescenza, il sindaco di Lucca Alessandro Tambellini ha concesso la cittadinanza simbolica a tutti quei ragazzi che, pur non essendo di origine italiana, sono nati o vivono a Lucca.
Un atto, quello della cittadinanza simbolica che, nelle speranze del sindaco, dovrebbe lanciare un messaggio anche alla politica nazionale per approvare, possibilmente entro la fine di questa legislatura, il tanto discusso ius soli.
Il prossimo anno, si auspica il primo cittadino di Lucca, spero di potervi dare la cittadinanza vera, perché coloro che sono nati nel nostro paese sono di fatto italiani, fanno quindi parte della nostra comunità e contribuito in maniera significativa alla sua crescita, per cui hanno diritto di essere italiani.
Il concedere, seppur simbolicamente, la cittadinanza ai figli di stranieri residenti in città non poteva non scatenare polemiche politiche.
Forza Nuova ha affisso uno striscione davanti alla casa del sindaco riportanti le seguenti parole : cittadino onorario Sua eccellenza Benito Mussolini.
Il senso di questa iniziativa, ci viene spiegato, con maggiori dettagli, da una dichiarazione rilasciata alla stampa da Giovanni Damiani, segretario provinciale del partito guidato da Roberto Fiore che riportiamo per intero.
. "I militanti di Forza Nuova prendono posizione sulla cosiddetta cittadinanza onoraria data agli immigrati dal sindaco di Lucca - dichiara Giovanni Damiani, segretario provinciale di Fn, movimento che rivendica il blitz -. Abbiamo lasciato un messaggio chiaro e patriota proprio sotto casa del primo cittadino: il Consiglio comunale pensi ai nostri connazionali in difficoltà e senza un lavoro invece che a queste pagliacciate"

A sostegno dell'iniziativa dei militanti di Forza Nuova di Lucca è intervenuto anche Leonardo Cabras, coordinatore regionale del movimento politico guidato da Roberto Fiore che ha dichiarato: " per noi non esiste nessuna cittadinanza agli immigrati, tanto meno quella onoraria che non è altro che un grimaldello propedeutico alla sostituzione etnica programmata con lo Ius Soli: l'unica cittadinanza onoraria semmai spetterebbe a sua eccellenza Benito Mussolini".

0 commenti:

Posta un commento