giovedì 26 ottobre 2017

CATEGORIA:

Letti da noi 16/ Luigi Iannone All'armi siamo(ancora?)fascisti

Come allegato a Il Giornale, nelle edicole italiane si può richiedere il nuovo libro di Luigi Iannone, collaboratore delle pagine culturali dello storico quotidiano milanese intitolato All'armi siamo (ancora?) fascisti edito per la collana Fuori dal Coro.
Un interessante libro di cui consiglio una attenta ed approfondita lettura, partendo dalla considerazione che la sinistra italiana, da 70 anni a questa parte, agita il demone di un "fascismo permanente".
Questo è uno dei drammi di un paese irrisolto che non ha fatto e forse non vuole fare conti la Storia.
Eppure, da giovane studente di liceo nei primi anni 90, ero convinto che le tracce della guerra civile che si è computa nel nostro paese dal giorno 8 settembre 1943 al maggio del 1945 potessero progressivamente dissolversi.
Mi aspettavo che tutto fosse primo o poi sottratto all'eccessiva politicizzazione e finalmente storicizzato.
Purtroppo non è stato cosi.
Vedevo buoni segnali grazie ai corposi studi di Renzo De Felice che nei suoi libri depotenziava il nostalgismo dall'abituale carica mitologica entro cui era rintanato, riportando con serenità di giudizio e di obiettività i singoli tratti del fascismo, delegittimando l'antifascismo militante, perché una volta che quell'epoca e quel regime, venivano consegnati alla storia, che è maestra di vita, nessuno poteva più trarne giovamento per meschine rendite di posizione politico culturale.
Finalmente il ventennio 1922-1945 poteva essere trattato alla stregua di qualsiasi periodo della storia del nostro paese, con pregi e difetti.
Ed invece sotto questo antifascismo militante, tornato nuovamente di "moda" grazie ad alcuni esponenti della sinistra di governo, il deputato Emanuele Fiano, in primis, si nasconde l'idea censoria e totalitaria che ha sempre animato le anime belle della sinistra demo-progressista il cui sogno inconfessato è lo stesso da una vita: far tacere voci dissenzienti, depotenziare ogni pensiero politicamente non corretto, ritenere pericolosi anche quei soggetti che, ingenuamente o no, si aggrappano al folklore, al nostalgismo di maniera dell'esibizione di qualche oggetto del passato.




2 commenti:

  1. Fiano potremmo dire che ha fatto da agit prop ai nipotini di Mussolini. A sua insaputa. Anche perché una legge che impedisce la diffusione di un’idea e dei suoi simboli combacia perfettamente con l’idea di fascismo che la sinistra ci ha raccontato fino a oggi. E pensare di fare una legge “fascista” contro il fascismo è piuttosto bizzarro. E, soprattutto, finisce per sortire l’effetto opposto: qual è il miglior modo per rendere affascinante un’idea? Ma ovviamente vietarla.

    RispondiElimina
  2. Fiano ? Un niente un ventriloquo basta vederlo .Piuttosto e' chi gli mette nella zucca queste idee ,sti qua(gli Ebrei) hanno sempre dei secondi fini e' veramente un impresa prevedere cosa faranno ,certo e'che con tutte le banche holliwood e l'informazione mondiale asservita hanno tutto il tempo che vogliono

    RispondiElimina

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.