giovedì 7 settembre 2017

Forza Nuova, Raggi: "La Marcia su Roma non deve ripetersi". Insorge la sinistra. Tace il centrodestra

La Marcia dei Patrioti, organizzata per sabato 28 ottobre a Roma da Forza Nuova non poteva non scatenare polemiche politiche partite a sinistra e giunte anche dal Movimento Cinque Stelle con il sindaco di Roma Virginia Raggi che dal proprio profilo twitter ha affermato: la Marcia su Roma non può e non deve ripetersi.
Il collega Alberto Custodero dalle pagine di Repubblica, con un interessante articolo, che riportiamo per intero, ci fa una carrellata di dichiarazioni di esponenti del variegato mondo della sinistra radicale e di governo contrari alla marcia dei patrioti, da chi chiede il divieto di manifestare per Forza Nuova a chi ne chiede addirittura lo scioglimento.


Dopo una giornata di critiche provenienti solo dal centrosinistra, la sindaca di Roma rompe il silenzio e, in serata, interviene in modo duro contro la 'marcia dei patrioti' organizzata da Forza Nuova per il 28 ottobre, il giorno di quella fascista del 1922. "La Marcia su Roma non può e non deve ripetersi", ha twittato Virginia Raggi. A nulla è servito l'intervento nel pomeriggio di Roberto Fiore, leader di Fn, che ha replicato alle critiche negando il carattere "filofascista" della marcia a suo dire fatta solo per non precisati fini "patriottici". La prima cittadina della Capitale ha affidato a Twitter il suo no categorico alla manifestazione nostalgica del Ventennio. 
La "marcia dei patrioti" di Forza Nuova fissata per il 28 ottobre ha scatenato un vespaio di polemiche nel mondo della sinistra. Ma - va rilevato - sono rimasti in silenzio per tutto il giorno (fino al tweet della sindaca) grillini e centro destra: nessuna reazione, al momento, da Fi, FdI, Lega. Nel frattempo la Questura della Capitale precisa che non è stato ancora formalizzato alcun preavviso della manifestazione al momento annunciata solo via Facebook dal movimento nazifascista.

• PD: "VIMINALE VIETI LA MARCIA"
Il deputato Pd Emanuele Fiano - promotore del ddl sull'apologia di fascismo -  ha presentato una interrogazione urgente sottoscritta da 45 parlamentari dem per chiedere "quali iniziative il ministro dell'Interno intende adottare per impedire che l'iniziativa si possa svolgere". "Una provocazione offensiva e pericolosa che va fermata", ha ribadito Donatella Ferranti, presidente della commissione Giustizia della Camera. Il presidente della Regione Lazio Nicola Zingaretti ricorda come "la 'Marcia su Roma' fu una tragedia. Rifarla oggi sarebbe, oltre che un insulto, una farsa ridicola". Il deputato dem Marco Miccoli chiederà al ministro dell'Interno di vietare il corteo. "Non si può tollerare - ha detto - l'ennesima provocazione da parte dei fascisti di Forza Nuova nei confronti della Capitale e della storia di questo Paese. La 'marcia su roma' annunciata per il 28 ottobre deve essere impedita".

• SI: "GOVERNO IMPEDISCA OLTRAGGIO COSTITUZIONE"
Contro i "patrioti" di Forza Nuova scende in campo Il segretario nazionale di Sinistra Italiana, Nicola Fratoianni. "La storia si ripete - dichiara - prima la tragedia poi la farsa. Il 28 ottobre del 1922 i fascisti prendevano il potere con la violenza e le sopraffazioni e portavano l'italia con 20 anni di dittatura alla tragedia della guerra mondiale diventando servi dei nazisti. Oggi i loro seguaci scimmiottano le loro gesta, ma si sbagliano di grosso, nella città di roma non sarà ammesso questo oltraggio alla costituzione della repubblica antifascista". "No al fascismo in qualunque forma si esprima", ribadisce il capogruppo alla Camera, Giulio Marcon.

• POSSIBILE: "SCIOGLIERE FORZA NUOVA"
Per il deputato e segretario di Possibile, Pippo Civati, quella manifestazione "non può svolgersi, a meno che non si accetti, nel disinteresse complice e nella inammissibile equidistanza delle istituzioni preposte alla tutela della sicurezza e dell'ordine pubblico, di violare la Costituzione, la legge Scelba e la legge Mancino". "Chiediamo al ministro dell'Interno, anche attraverso prefettura e questura di Roma, di vietare la marcia e di avviare la procedura di scioglimento di Forza Nuova".

• MDP: "INTERROGAZIONE PER FERMARE MARCIA"
Per il presidente dei deputati di Articolo 1 - Mdp a Montecitorio, Francesco Laforgia, "la manifestazione del 28 ottobre va semplicemente fermata. Negando l'autorizzazione (su questo presenteremo un'interrogazione al Ministro dell'Interno). E facendo appello all'Italia democratica e antifascista. Mobilitare le coscienze è un altro di quei mestieri che dobbiamo ricominciare a fare". Rincara la dose il deputato di Mdp Arturo Scotto. "È una cosa gravissima senza precedenti nella storia repubblicana. Il Governo la vieti. L'antifascismo valore non negoziabile". "Roma, città medaglia d'oro alla Resistenza, non può vedere sfilare la manifestazione fascista e razzista organizzata da Forza Nuova", aggiunge la deputata Roberta Agostin.

• PRC: "MINNITI INTERVENGA E VIETI LA MARCIA"
Per Maurizio Acerbo, segretario nazionale di Rifondazione Comunista - Sinistra Europea, la provocazione di Forza Nuova "merita una risposta politica netta da parte del governo: il Viminale deve vietare questa manifestazione dal chiaro carattere neofascista.  La tolleranza verso organizzazioni come Forza Nuova e Casa Pound è intollerabile. L'apologia di fascismo è un reato costituzionale. I rigurgiti nazifascisti vanno combattuti, senza se e senza ma. E le organizzazioni neofasciste vanno sciolte".

• FASSINA: "LA SINDACA RAGGI IMPEDISCA LA MARCIA"
A chiamare direttamente in causa la sindaca della Capitale (che però resta in silenzio) è Stefano Fassina, consigliere di Sinistra per Roma. "La 'marcia dei patrioti' - dichiara Fassina - è offensiva e inaccettabile per la nostra città segnata in modo indelebile dalla deportazione dei nostri concittadini di religione ebraica il 16 novembre del 1943 e protagonista della Resistenza e della liberazione dal nazifascismo. Domani in consiglio comunale presenteremo un odg per impegnare la sindaca Raggi a prendere ogni iniziativa politica e amministrativa per impedire lo svolgimento della marcia prevista per il 28 ottobre e per invitare il governo a mettere fuori legge Forza Nuova per evidente e ricorrente apologia di fascismo".

• LA REPLICA DI FIORE (FN): "MARCIA PATRIOTTICA NON FILOFASCISTA"
Ma Roberto Fiore, leader di Forza Nuova, dopo una giornata di polemiche, replica in serata a chi lo accusa di organizzare una manifestazione di nostalgici del Fascismo. "È una manifestazione patriottica, non filo-fascista o nostalgica", precisa senza tuttavia spiegare il perchè della concomitanza con la marcia del 1922. "Vogliamo sfilare nel centro di Roma - aggiunge - il ministero dell'Interno sbaglierebbe a vietarla, a rispondere a un movimento di popolo, a una rivoluzione in atto con metodi questurini. La marcia non è contro Minniti ma contro Soros". Fiore ha denunciato di recente George Soros (magnate ungherese ma naturalizzato statunitense) per attentato alla sicurezza dello Stato. In sostanza, il leader di Fn accusa Soros di finanziare quelle Ong che, contravvenendo alle leggi italiane, portano gli immigrati clandestini in Italia.  

3 commenti:

  1. Macia fascista e meglio ancora NAZZISTA,devono tremare I traditori da 70 anni capaci solo di mentire nei libri di scuola TV cinema tutto per coprire quel popolo gli Ebrei che ha tutte le banche e l'informazione un monopolio tenuto nascosto ,una vergogna unica, sti politici e non solo dovranno renderne conto alla propria coscienza e a Dio

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ma te stai proprio male... fatte vede' da uno bravo

      Elimina
  2. De Benedetti Mieli mentana mimun Ferrara Elkann Augias,vado avanti o mi fermo ,poi se si vuole parlare senza sapere va bene,andate alle iene del massone Berlusca che ha il guardaroba pieno di kippah ( se non sapete cosa sono andate sul vocabolario )

    RispondiElimina

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.