sabato 10 giugno 2017

Condanne per piazza Navona: CasaPound 15-compagni 3

Alla fine sarà prescrizione, perché la sentenza di primo grado arriva a quasi nove anni dai fatti, ma la decisione dei giudici romani è contestata aspramente da CasaPound, anche se le pene erogate per rissa, danneggiamento e lesioni sono irrisorie (da un anno a un anno e nove mesi),
Nel mirino dei fascisti del terzo millennio il fatto che sono ben 15 i loro militanti condannati per gli scontri di piazza Navona del 29 ottobre 2008 contro soltanto tre antagonisti: la verità giudiziaria rovescia così la verità politica fissata all'epoca dallo stesso governo Berlusconi che ricostruì la dinamica degli incidenti, che segnarono un punto di non ritorno per le sorti del movimento contro la riforma Gelmini della scuola, attribuendone la responsabilità ai servizi d'ordine dell'estrema sinistra, Questi arrivarono in piazza in corteo e assaltarono una pattuglia di una ventina di militanti del Blocco Studentesco, l'associazione giovanile di CasaPound, decisi a difendere anche con la forza il loro diritto di partecipare alle manifestazioni del movimento. Decisivo per lo squilibrio nelle condanne la scelta dei compagni di travisarsi i volti prima di attaccare mentre i camerati erano rimasti a volto scoperto e quindi sono stati tutti riconosciuti grazie alle decine di video e alle migliaia di foto scattate quel giorno.


2 commenti:

  1. Decisi a difendere anche con la forza il loro diritto di partecipare alle manifestazioni del movimento? Presentarsi ad una manifestazione altrui con le mazze non è il modo più civile per presentarsi ...

    RispondiElimina
  2. A onordel vero era una manifestazione degli studenti a cui oartecipavano tutte le componenti

    RispondiElimina

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.