martedì 18 aprile 2017

Il vescovo di Cremona: nessuna benedizione alla tomba di Farinacci

(G.p)Il 28 aprile ricorre l’anniversario della morte  di Roberto Farinacci,  gerarca fascista, fucilato dai partigiani a Vimercate. Anche quest'anno il comitato onoranze funebri caduti della Repubblica Sociale Italiano ha chiesto al sindaco il permesso di celebrare una cerimonia religiosa nel camposanto di Cremona, dove Farinacci è sepoloto. Ma il sindaco Galimberti, espressione politica del centro sinistra non ha concesso l'autorizzazione, specificando che la cerimonia dovrà svolgersi all'interno della cappella del cimitero, come ci racconta, con un interessante articolo, il Corriere della Sera.
Articolo che riportiamo per intero.


 «Abbiamo contattato un sacerdote che era disponibile a pregare dove Farinacci e gli altri camerati riposano, ma la Curia non ha voluto». Anche il sindaco dice no
Sì al ricordo di Roberto Farinacci, ma non davanti alla sua lapide. L’anniversario della morte del ras di Cremona, fucilato dai partigiani a Vimercate il 28 aprile 1945, oppone i nostalgici del Ventennio al Comune e alla Curia. Anche quest’anno Gian Alberto D’Angelo, portavoce del Comitato onoranze funebri caduti della Repubblica sociale italiana, ha chiesto al sindaco il permesso per celebrare una funzione religiosa nel camposanto di Cremona, dove Farinacci, ai lati di un grande viale alberato, è sepolto. Ma il sindaco, Gianluca Galimberti (centrosinistra), non ha concesso l’autorizzazione specificando che «la cerimonia dovrà svolgersi esclusivamente all’interno della cappella del Civico cimitero. Saranno vietati simboli, gesti e canti che costituiscano apologia di fascismo». La polizia locale vigilerà sul rispetto della legge. Ma l’avvertimento non spaventa gli ammiratori del duce. «Ci saremo con le nostre bandiere, i nostri vessilli e i nostri inni — annuncia D’Angelo —. Dopo la messa in chiesa, andremo a salutare romanamente Farinacci e chi ha combattuto per la Rsi».

Nel mirino anche la Diocesi. «Abbiamo contattato un sacerdote che era disponibile a pregare dove Farinacci e gli altri camerati riposano, ma la Curia non ha voluto». Il prete chiamato in causa dagli esponenti dell’ultradestra è don Oreste Mori, il precedente cappellano del cimitero, che commenta: «Ho sempre dato la benedizione e l’avrei fatto anche stavolta. Credo sia un diritto di tutti i morti e un dovere per tutti i sacerdoti. Vado dove mi chiamano. Anche dove è seppellito Togliatti, se me lo chiedessero». Don Mori è in pensione e così, tra pochi giorni, il compito passerà al suo successore, don Giuseppe Ghisolfi. «Su ordine del vescovo e attraverso il vicario generale, dirò la messa in chiesa. Poi, dallo stesso luogo in cui lo si fa tradizionalmente, verranno benedetti tutti i defunti. Questa è l’offerta al Comitato organizzatore. Sto ancora aspettando la risposta». Attesa finita: «Quella proposta è un insulto».

0 commenti:

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.