venerdì 31 marzo 2017

Roma ai Romani e Forza Nuova: sabato tour contro sfratti e immigrazioni.


(G.p)Il coordinamento di lotta popolare Roma ai Romani di concerto con Forza Nuova ha organizzato per sabato 2 aprile una giornata militanti per i quartieri del quadrante di Roma Ovest per incontrare i cittadini e coinvolgerli nella lotta per il diritto alla casa e contro i centri di accoglienza.
Il senso di questa iniziativa politica ci viene spiegato da un comunicato congiunto di Giuliano Castellino, portavoce di Roma ai Romani e di Alessio Costantini, responsabile romano di Forza Nuova che riportiamo fedelmente.



"Camionetta, musica, bandiere, militanza: questo il programma per sabato, in giro per i quartieri di Roma. Sabato saremo nel quadrante di Roma Ovest, la mattina a Magliana, Monteverde e Corviale, il pomeriggio a Montecucco. La sera a Prati. Incontreremo i cittadini e coinvolgeremo i romani nella lotta per il diritto alla casa e contro i centri di accoglienza. Compito di Forza Nuova e del coordinamento di lotta popolare Roma ai Romani è quello di svegliare gli italiani. Ogni connazionale in lotta è un eroe che difende il confine. Siamo tutti soldati sul Piave, combattenti a difesa della patria contro sfratti e clandestini". 
Queste le parole di Giuliano Castellino, portavoce di Roma ai Romani, che ha aggiunto: "La lotta per la sovranità è cosa seria, non una battaglia di un giorno. Noi sovranisti davvero, non come quelli che si accordano con Alfano lo "scafista" o come quelli che stanno col piattino in mano pur di riabbracciare il centrodestra servo del Ppe". "Sabato suoneremo la carica per la riscossa del popolo romano e italiano. È essenziale opporsi alla sostituzione in atto, fermare l'invasione immigratoria, combattere per la difesa dello stato sociale, affermando come regola fondamentale: prima gli italiani!" dichiara Alessio Costantini, responsabile romano di Forza Nuova, che aggiunge "porteremo la gioia della lotta. Ogni italiano che ha voglia di difendere la propria terra segua la camionetta

0 commenti:

Posta un commento