giovedì 23 giugno 2016

CATEGORIA:

Il compagno Nunzio D'Erme : meno male che c'è Grillo altrimenti vinceva Casa Pound

(G.p) Nunzio D'Erme, militante del centro sociale Corto Circuito, leader dei disobbedienti romani, ex consigliere comunale eletto nelle file di Rifondazione Comunista intervistato dalla collega Viola Giannoli di Repubblica spiega il perché del suo convinto sostegno al Movimento Cinque stelle ed alla candidata sindaco Virginia Raggi, altrimenti forte era il rischio di una vittoria di Casa Pound o della Meloni.
Intervista che pubblichiamo per intero.



LEADER dei Disobbedienti e dei movimenti per la casa, militante del centro sociale "Corto circuito", ex consigliere comunale indipendente di Rifondazione, nel 2003 scaricò sotto casa Berlusconi un quintale di letame. Nunzio D'Erme, 54 anni, risponde al telefono dalla piscina comunale del Tufello dove fa l'istruttore: "Poi però devo scappa' alla riunione del comitato popolare ". Nel 2013 a Roma ha sostenuto Sandro Medici. Ma oggi dice: "Voto Raggi".
Un simbolo della sinistra radicale e dei movimenti perché sceglie i Cinque stelle?
"Sono sensibili sulle questioni sociali: dalle battaglie della casa ai servizi, dall'acqua pubblica al reddito. Hanno aperto un confronto fuori dalle logiche spartitorie con le esperienze di autogestione che nei quartieri hanno attivato meccanismi di resistenza alla crisi. La deputata Lombardi, ad esempio, ha fermato alcuni sfratti. In giunta hanno scelto un compagno storico delle lotte ambientaliste e contro i Prg come Paolo Berdini. E poi c'è un blocco di potere che andava mandato a casa".
Un voto anti-Pd?
"Quel partito è il problema principale per la gabbia della legge di stabilità e le sue politiche sul lavoro, sui diritti sociali, sull'ambiente. A Roma s'è intrecciato col malaffare e la speculazione. E mo' a Renzi j'abbiamo dato 'na bella spallata. Aò, quelli c'hanno detto "ciaone" sulle trivelle e noi gliel'abbiamo restituito ".
La sinistra non riesce più a intercettare i bisogni dei cittadini?
"Che sinistra? Ha perso contatto con i settori popolari, non ha più radicamento sociale. Cerca solo ammucchiate elettorali, scorciatoie, ma oggi non ci sono per nessuno. Noi, movimenti autonomi, dobbiamo ricostruire un blocco sociale di giovani senza lavoro, precari, migranti, pensionati, che è stato espulso. Vediamo che succede ma intanto menomale che
c'è Grillo" Addirittura?
"E sennò chissà chi pensi che vinceva 'sta città? Meloni e Casapound ".
Si aspettava il trionfo del M5S in borgata?
"E te credo! A Tor Bella Monaca o a Corcolle la gente combatte per la qualità della vita e vota per chi pensa che possa interpretare meglio 'ste condizioni. Se fai parte di un'élite manco te ne accorgi e resti arroccato in centro

0 commenti:

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.