mercoledì 22 giugno 2016

Bolzano, prove d'intesa fra Pd e CasaPound. Ma l'Anpi insorge

(G.p)Un feroce scontro è tutt'ora in atto, a Bolzano, tra i partigiani e il sindaco Caramaschi, espressione del Partito democratico, che apre ai 3 consiglieri dell'opposizione eletti sotto il simbolo elettorale di Casa Pound. Da autentico democratico Caramaschi dichiara : siamo distinti e distanti da Casa Pound ma nessuna preclusione a priori, come ci racconta il collega Paolo Berizzi, con un interessante articolo pubblicato da La Repubblica.
Articolo che riportiamo fedelmente.



Ha ancora salde radici a sinistra un partito che elegge un sindaco che, in nome del "fare", appena insediato apre a un movimento dichiaratamente neofascista? Se lo stanno chiedendo in molti, in questi giorni, a Bolzano. In primis l'Anpi locale, che esprime "allarme" e "sconcerto". La storia è questa. Il primo cittadino Renzo Caramaschi, Pd, eletto con il 55,2% alle recenti amministrative grazie anche al sostegno di Svp e Verdi, sdogana CasaPound, l'outsider della tornata elettorale che in consiglio comunale è riuscita a piazzare ben tre consiglieri (cinque anni fa era uno solo). "Nessuna preclusione a priori, sono stati eletti", ha dichiarato il sindaco a margine della sua seconda giunta. Durante la seduta, a riprova del "disgelo" tra la guida dem di Bolzano e i "fascisti del terzo millennio" come amano definirsi i militanti di CasaPound Italia, era emerso un dato sorprendente: anziché votare contro la maggioranza che sostiene il sindaco, i tre consiglieri "neri" si sono astenuti. Un voto insomma non sfavorevole che ha fatto pensare ad accordi sottobanco. Subito esclusi da Caramaschi: "Si, il voto mi ha sorpreso. Ma non c'è nulla...".

Il primo cittadino si è subito affrettato a rimarcare le differenze e la distanza con CP: "I nostri valori di riferimento sono distanti come il Polo nord e il Polo sud". Ma dietro le dichiarazioni di facciata ci sono i fatti. Il primo nell'amministrazione a aprire a CasaPound per ricucire la città divisa è stato il vicesindaco Christoph Baur (Svp): "Voglio capire la ragione del loro successo nei quartieri, e, perché no, parlare anche con i loro consiglieri. E scambiarci impressioni". È seguito lo sdoganamento da parte di Caramaschi. Loro, i neofascisti casapoundini, non aspettavano altro. Sentite il capogruppo Maurizio Puglisi Ghizzi, già candidato sindaco che alla prima seduta del consiglio si è presentato in camicia nera: "Se il comportamento del sindaco Caramaschi o del vice Baur è costruttivo, se da settimane non ci sbattono la porta in faccia come altri in passato, perché non dobbiamo collaborare?". E dunque, ecco l'astensione di CasaPound. Tre "no" in meno per la giunta. Una sorta di indiretto appoggio esterno. Insomma nella città che ha versato un doloroso tributo di vittime alle dittature, l'aria sembra cambiata. In nome del "fare" e del superamento delle divisioni ideologiche. "Siamo la giunta del “fare", aveva detto il sindaco. E se qualcuno propone di "fare qualcosa" perché non ascoltarlo anche se marcia sul Comune, decidendo di volta in volta se merita una convergenza?".

Inevitabili, sono scoppiate le polemiche. Dice Maria Laura Lorenzini (Verdi): “In consiglio si ascolta tutti. Ma io vorrei si mantenesse una discriminante ideale, più che ideologica verso questa destra. Sui profughi, che è tema che mi sta molto a cuore, siamo distanti anni luce. E vorrei evitare - aggiunge l'assessora - che a CasaPound, per dirne una, venisse assegnata la presidenza di qualche commissione consiliare". Un punto, questo, piuttosto delicato. A conclusione della sua seconda seduta di giunta, il sindaco Caramaschi ha mostrato la disponibilità a valutare le situazioni per quello che sono e ad accettarle caso per caso. "Le presidenze delle commissioni - ha spiegato - saranno decise dai gruppi e dai capigruppo riuniti. Alcune le vorrei riservare alle opposizioni. Dunque se un gruppo di opposizione si accorda (devono essere almeno 4 consiglieri ndr) potrà capitare che CasaPound possa ottenere una presidenza. Se accadesse ne prenderei atto e sicuramente non potrei oppormi. CasaPound siede in consiglio, ha tre consiglieri, ha ottenuto tanti voti: dunque, quale sarebbe il problema?". Più duro Arno Kompatscher, presidente della provincia autonoma di Bolzano, che mette un freno: "Non sarà mai possibile per noi, per la Svp, collaborare con chi si ispira a un'ideologia totalitaria".

Glielo indica Orfeo Donatini, presidente dell'Anpi di Bolzano. "Sono sconcertato e allarmato per lo sdoganamento di CasaPound. Nessuna intesa ma anche nessun ipotetico dialogo con partiti neofascisti e figli del populismo perché si possono ricreare mostri. L'Anpi è sempre al fianco di Innerhofer, Egarter e Thaler, delle vittime sudtirolesi delle dittature". Lo scontro, insomma, è aperto. Va ricordato che in Trentino Alto Adige, in particolar modo nella provincia autonoma di Bolzano, sono numerosi i gruppi di estrema destra attivi sul territorio. Tra manifestazioni xenofobe, raid anti immigrati e aggressioni politiche. L'ultimo episodio pochi giorni fa a Lana. Una decina di naziskin armati di mazze, bottiglie e una chiave inglese, vestiti di nero con guanti di pelle, ha assaltato un gruppo di ragazzi, individuandoli come antifascisti ma che non erano iscritti a nessun partito ne associazione, all'uscita della discoteca "Exclusiv". BIlancio: due feriti. Dopo la rissa è stato licenziato un buttafuori del locale colpevole di aver dato manforte agli aggressori.

0 commenti:

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.