domenica 29 novembre 2015

CATEGORIA:

Più di mille Hammerskin festeggiano il ventennale in un locale di Rogoredo

Saluti romani e teste rasate: le foto dell'Hammerfest, la festa nazi a Milano


Il nome scelto era abbastanza evocativo. C’era da festeggiare il “Ventennio”, non quello che ai presenti ha fatto tornare in mente bei ricordi, ma “soltanto” l’anniversario della nascita della formazione italiana degli “Hammerskin”. E a rendere onore ai “rasati” italiani sono arrivati davvero in tanti. E da ogni angolo d’Europa. 
Sabato sera, per qualche ora - dalle 17 a poco dopo l’1 di notte per la precisione - Rogoredo è diventata il centro del Mondo degli skinhead. Al Mosquito, un ex discoteca poco lontana dal capannone che ospitò la reunion del 2013 [che secondo le anticipazioni dell'Osservatorio sulla nuova destra rilanciate dalla stampa avrebbe dovuto ospitare la festa, ndb], si sono incontrati mille, poco più o poco meno, ragazzi con la stessa passione e con la stessa idea per l’Hammerfest 2015. 
Primo obiettivo della serata è stato omaggiare i “fratelli” milanesi per i loro venti anni di battaglie. Secondo, ballare sulle note dei tanti gruppi - alcuni dei quali internazionali - che si sono avvicendati sul palco con l’immancabile carico di saluti romani e simili. 
I timori per l’evento, anche alla luce del recente agguato contro l’ebreo ortodosso Nathan Graff [la cui eventuale matrice politica non ha ancora avuto riscontro investigativo, ndb], si sono fortunatamente rivelati infondati. Gli skinhead in arrivo dall’Europa - come il gruppo Frontalkraft, che ha aggiornato costantemente i fan sulla propria pagina Facebook - hanno fatto un giro per la città, hanno visitato il Duomo e poi in pullman, e a piedi, si sono recati al Mosquito. 
All’esterno del locale, con qualche uomo della Digos qui e lì a presidiare la zona, non c’è stato nessun tipo di problema. Dentro, tra birra, teste rigorosamente rasate, tatuaggi e bandiere inneggianti al nazismo, si sono esibiti i Frontalkraft, i Division Germania, i Whitelaw e gli italiani Nativi, Adl 122, Bullets, Malnatt e Linea Ostile. 
Tutti con il loro carico di odio. Tutti con le loro braccia tese per la “legge dei bianchi”. Il tutto, ancora una volta, in una città Medaglia d’oro della Resistenza. 
Fonte: MilanoToday

0 commenti:

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.