giovedì 12 novembre 2015

Martignacco( Ud): restaurato l’affresco fascista, l’Anpi insorge

(G.p)Martignacco è un piccolo comune friulano, che dista poco più di 10 km da Udine, salito agli onori della cronaca perché il sindaco Marco Zanor ha riportato alla luce un affresco di Ernesto Mitri nel quale l'artista friulano dipinge due atleti, uno dei quali, con braccio teso e mano aperta, sembra intento nel saluto fascista. La locale sezione dell'Associazione Nazionale Partigiani d'Italia ha protestato contro il sindaco perché l'opera incarna una forma di autoritarismo e prepotenza da parte dell'attuale amministrazione comunale, il cui sindaco, nel recente passato, è ritenuto colpevole di non aver voluto intitolare una strada ad un partigiano. Il messaggero Veneto, edizione di Udine, nella sua versione on line, dedica un articolo a questa polemica politica che vede protagonisti la locale sezione dell'Anpi ed il sindaco del piccolo comune.

Restaurato l’affresco fascista, l’Anpi insorge

Riportata alla luce nell’ex cinema la rappresentazione di due atleti, uno dei quali fa il saluto romano. L’accusa: "Il sindaco non volle intitolare una via a un partigiano, ora questo nuovo schiaffo"
Riportato in bella vista all’ ex cinema Impero un affresco che farà discutere. E che ha già fatto infuriare l’Anpi (Associazione nazionale partigiani d’Italia) di Martignacco, per il quale incarna una «forma di autoritarismo e prepotenza» da parte dell’amministrazione comunale.Dopo le scritte inneggianti a Mussolini sui muri della canonica di Pontebba di una settimana fa, si denunciano ora altri atteggiamenti “fascisti” e scoppia il caso.
Cosa c’entra l’affresco? È presto spiegato. Passando per l’ex cinema Impero, in via Delser, proprio all’ ingresso principale, si può osservare un’opera di Ernesto Mitri. L’artista friulano dipinge due atleti, ma uno in particolare cattura l’attenzione, perché, braccio teso e mano aperta, sembra intento nel saluto fascista.
«La rappresentazione, con il tempo, si era scolorita, fino a farla quasi scomparire, ma gli anziani del paese se la ricordano: lo scopo dei committenti dell’opera era quello di valorizzare i simboli del fascismo - spiega il segretario della sezione Anpi di Martignacco Luciano Martin - Ho ricevuto più di 30 telefonate di famiglie amareggiate per quanto hanno visto». L’affresco, dopo anni dietro strati di calce è stato riscoperto e restaurato per scelta dell’amministrazione comunale: una spesa («inopportuna» secondo la minoranza), approvata in giunta, di 5.124 euro.
Ma l’Anpi, con un volantino distribuito a tutti i cittadini del comune, ha voluto far sentire il suo dissenso, coinvolgendo anche la sezione provinciale. «Il sindaco ha usato due pesi e due misure, in modo scorretto»: il segretario fa riferimento al rifiuto, che risale ormai a un anno fa, da parte del primo cittadino, Marco Zanor, di apporre una lapide - a spese dell’Associazione - e di aggiungere la parola “partigiano” alla segnaletica stradale della via intitolata al combattente Pietro Martini.
«Ipocrita, autoritario e antistorico»: questi gli aggettivi usati dall’Anpi per definire l’atteggiamento del sindaco. Le motivazioni di Zanor («La Giunta comunale non ritiene enfatizzare una categoria di combattenti rispetto ad altre, convinta che ciò potrebbe compromettere il necessario processo di pacificazione nazionale che deve ancora trovare la sua piena attuazione»), non erano piaciute al segretario. Oggi, di fronte al restauro, replica deciso: «Venga a casa delle famiglie di chi ha dato la vita per la Costituzione, prima di agire in questo modo! Tornare indietro di 70 anni è inaccettabile»

0 commenti:

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.