giovedì 19 novembre 2015

CATEGORIA:

C’è chi coniuga Mussolini e musulmani

(G.p)L'Italica destra, divisa in mille rivoli, è destinata a morire tra le braccia del redivivo "fallacismo" di ritorno? Per fortuna non tutti. Infatti, esiste una destra, diffusa e plurale, che ha scelto di non seguire la Fallaci ma le riflessioni di pensatori del calibro del professore Franco Cardini o dello scrittore e giornalista Massimo Fini.

Antonio Rapisarda, dalle colonne de il Tempo, storico quotidiano romano, ci descrive questa "destra" che con l'Islam ha scelto da tempo di condividere quello spazio vitale chiamato Mediterraneo, non di coltivarne la paura nonostante l'undici settembre prima il tredici novembre oggi.



C’è chi coniuga Mussolini e musulmani

E' la destra che ha scelto di non seguire la Fallaci ma le riflessioni di pensatori come Franco Cardini.

Sotto braccio portano i testi del tradizionalista «ricongiunto» René Guenon e in scrivania hanno l’immagine di Benito Mussolini con la spada dell’Islam. Sull’i-Pad leggono le incursioni del «saracino» Pietrangelo Buttafuoco e le missioni le fanno in Siria per raccontare la resistenza patriottica contro Daesh. È la destra che con l’Islam ha scelto da tempo di condividere quello spazio vitale chiamato Mediterraneo, non di coltivarne la paura nonostante l’11 settembre prima e il 13 novembre oggi. Non solo dall’eterodossa Oriana Fallaci, insomma, e di islamofobia si abbevera la destra. Certo, dopo la strage di Parigi – tra invettive dei redivivi neocon in salsa tricolore e la drammatizzazione mediatica – lo spazio per la riflessione è stato sostituito dalla reazione, dall’emotività, dallo sconcerto in parte strumentalizzati. Eppure c’è una destra italiana, composta quasi tutta da non islamici, che non ha mai creduto nello scontro di civiltà e che non ritiene l’Isis espressione del sentiment della comunità islamica, tutt’altro. In questi giorni, ad esempio, c’è chi come Franco Cardini – luminare medievista, cattolico e uomo di destra, che si sforza da sempre di fare divulgazione di qualità sull’argomento – ha spiegato con piglio analitico come «la stragrande maggioranza dei musulmani di tutto il mondo è del tutto estranea a questa follia» chiamata Isis. C’è chi, come Buttafuoco, altro pensatore con un pedigree di destra fuori discussione, ha più volte ricordato come le prime vittime di Daesh sono gli stessi musulmani e come sono musulmani i primi avversari, sul campo, dei tagliagole. Si tratta di una destra «diffusa», questa che non reputa potabile la guerra di civiltà, e che, tra spiritualità e geopolitica, vede nella religione della Mezzaluna una delle fonti della dottrina tradizionale a cui si «ricongiunse» Guenon o un ingrediente identitario dei popoli tanto vituperato dal «mondialismo». Se c’è chi legge Massimo Fini, perché non crede nell’esportazione della democrazia teorizzata da Fukuyama, per anni sul Secolo d’Italia c’è chi ha trovato nella rubrica «Musulmani europei» curata da Omar Camiletti - ex indiano metropolitano convertito all’Islam, oggi consigliere nella Grande moschea di Roma – la declinazione di un Islam integrato nell’identità italiana. Anche la destra movimentista rifugge la semplificazione islamofoba.  All’ingresso di CasaPound, solo per fare un esempio, nel pantheon dei riferimenti si trova il nome del generale Massoud, che guidò la resistenza afgana contro i sovietici e poi contro i talebani. E oggi dal centro sociale non conforme ai tanti gruppi identitari la difesa della Siria di Bashar Al Assad dall’avanzare del fondamentalismo wahabita si ricongiunge storicamente ai rapporti che il fascismo ebbe con i nazionalismi arabi: un filone politico che ha affascinato a destra per la capacità di coniugare la visione dello stato moderno, partecipata, con la religione. Filone rivendicato a maggior ragione oggi, dopo il flop delle «primavere arabe» e l’emergere, come contraltare, delle petro-monarchie sau dite. E i politici? Se è da ricordare come si deve alla giunta Alemanno la creazione di un importante appuntamento come la «settimana della cultura islamica» a Roma, impegnato da sempre nella ricerca e nel racconto del mondo arabo e musulmano è Marcello de Angelis - già direttore di Area e del Secolo ed ex parlamentare di An e del Pdl - che nei suoi recenti reportage dalla Siria e dall’Iran ha evidenziato la guerra in atto interna al mondo islamico, con l’Isis nella parte di una sorta di «Tecno-Islam» che si poggia non nella dottrina ma nello sfascio nichilista della società occidentale.




6 commenti:

  1. COMMENTO 2) Spettacolo ripugnante siete. Ma poi che cazzo centra quella merda della Fallaci? smettetela di parlare della Fallaci! ebrea, e antifascista... fate mistificazioni come le zecche, mescolate, gettate fumo.......definite islamofobia qualcosa che non e' fobia di nulla ma solo sana repulsione per cio' che sano non e'. Sempre la domanda di fondo resta il perche questi intellettualoni da "pubblicazioni" e le loro scimmie emulatrici non vadano a combattere in terrirori arabi....mah. Chi lo capisce il vostro fascismo, il vostro cameratismo. Avete un punto di vista diverso dunque dagli ignorantoni forcaioli di destra...dai cretini leghisti......attenti state seguendo le stesse logiche borghesi dei pvogvessisti di sinistva che pur di essere migliori e istruiti e di larghe vedute degli altri arrivano a sentire il profumo di lavanda negli zingari quando fin qualche decennio fa la stessa classe sociale li avrebbe allontanati come incivili arricciando il naso, hanno cambiato concezione di incivili oggi. Io non mi fido dei filosilamici....ho chiesto lumi al grande immenso acculturatissimo Gabriele Adinolfi sul suo FB...mi ha laconicamente rispsoto "non so di cosa parli". Non e' carino..la risposta era per tutti e non certamente per me. Li ho chiesti a Stefano Fabei nello stesso social network..mi ha messo la pubblicita delle sue pubblicazioni, e nulla di piu. Gli altri? se non mi danno del "finto fascio" (quando io non sono nemmeno fascista) non fanno che ripetere quei due ritornelli" l'islam non e' tutto uguale, a combattere i terroristi ci sono i mussulmani, dietro l'isis c'e il giudeo, Hitler era filosilamico. ....Maledetti siate voi e gli islamici! volete aprire gli occhi di chi? con il fumo! e presto sarete in mezzo a sciami di api. Pezzi di sterco di cammello....
    Un ultima cosa da squallido leghista (ai quali pero Adinolfi e i suoi amici di Casa Pound sono alleati, non io) : sono io solo a notare come la criminalita nelle strade (eccettuati i rumeni) sia tutta squisitamente islamica: abusivismo, assalti nelle ville, prostituzione, spaccio, violenze carnali...si traducono in pakistani, bengalesi, albanesi, nigeriani, nord africani. Saro di parte, ma non vedo filippini compiere questi crimini. Non riconoscere ad una comunita i suoi meriti, come i suoi demeriti, e' un crimine, perche significa premiare quelle sbagliate e mortificare quelle comunita' che sono maggiormente integrabili. Sono dunque islamofobo se faccio questa osservazione? allora sono anche xenofobo, come dicono le zecche.

    RispondiElimina
  2. COMMENTO 1) E bravi....e allora continuate pure a generalizzare contro gli ebrei alla faccia di tutti quegli ebrei anche ortodossi che condannano apertamente il sionismo (cosi come vi sono mussulmani che condannano apertamente il terrorismo..di fatto terrorismo e sionismo sono "cose loro" ma non certamente atrribuibili ai taoisti..mi pare che l'Islam versi sangue un po ovunque nel mondo non solo in occidente..e con una certe frequenza). E bravi bravi i camerati filoilsamici, contnuate pure a ripetere le stesse due o tre banalita trite e ritrite come se fossero grandi intuizioni, concetti da "disegnino" come la mano sionista che carica il soldato isis che anche i sassi conoscono e che gli ameri-cani stessi hanno riconosciuto da tempo...bassezze coloniali di tempi ancestrali..nulla di nuovo sotto al sole e voi vi sentite invece "illuminati" improvvisamente tra noi che viviamo nelle nubi....seguitate pure a dire che i mussulmani stessi combattono il terrorismo mentre gli occidentali lo armano (correte a dirglielo acnhe a tutto quel mondo arabo che festeggia nelle case quando vede il vostro sangue..pero...che qualcuno li avverta! perche se vedete della "islamofobia" in Europa vedete bene anche, che siete immersi in maomettani gia da un po e lo sarete sempre di piu). E bravi i miei camelidi seguitate pure a parlare della 13a Handschar....di un Hitler filosilamico (il Fhurer era pagano e non monotesita idioti...intratteneva relazioni politiche con l'islam questo e' quanto. E poi sti cazzi di Hitler si puo dire? io non ho "idoli" come voi...scimmie emulatrici)..... ...oppure continuate a fare riferimento a quelle elites arabe che pure ci sono state in tutti i tempi se vi va (l'Islam infatti e' cultura antichissima e meravigliosa gia apprezata da moltissimi piu grandi di voi, ad esempio Federico II di Svevia. Site voi lui? conoscete i poeti arabi del XII secolo? me li sapreste elencare e raccontare?) senza rendervi conto pero come e quanto l'Islam sia inassorbibile dalla societa europea, che e' pure antica e nobilissima, cosi come l'olio dall'acqua...... arrivate pure a mitizzare gente come Gheddafi se vi fa piacere, un pagliaccio africano che al Campidoglio venne ad insultare il colonialismo fascista e gli italiani....continuate a disprezzzare le religioni abramitiche ma a sentirvi fratelli degli arabi, tra i piu bigotti dei tre escrementi...continuate pure a fare proselitismo islamico e considerare gli arabi vostri camerati, o alleati nella lotta al sionismo, lasciandoli pero miserrimamente sotto il fuoco nemico, lasciando andare a combattere e morire in Palestina o in Siria zecche che erano nei cessi sociali fino a una settimana prima...CAMERATI....voi non siete certo appartenenti all'Europa quanto non lo siete al Sinai, ma non servite a nulla, ne a l'uno ne all'altro.. a nessuno dei due.

    RispondiElimina
  3. Calma perchè cosi' collassi

    ... Gli Islamici di cui Tu parli sono altri soggetti " deviati " dall'occidentalismo beota e wasp,
    Occidente Wasp antifascista da sempre , perché la guerra all'Europa 70 anni fa l'ha fatta l'Occidente all'Europa, e poi per altri 70 anni ha tramato da destra e da sinistra contro la stessa 'Europa.

    Quello che sostengono Buttafuoco , Cardini, Fini ed Adinolfi tutti nella loro differenza ma lontani mille anni da quella zoccola femminista della Fallaci ( che si è ri-scoperta di ultra-destra quando gli sono stati abbattuti i suoi falli da lei prediletti ovvero le Twin Towers ) è che esiste UNA COMPLESSITA' con la quale occorre confrontarci e non si puo' semplificare come fanno da destra e da sinistra per i loro sporchi interessi elettorali.

    Certo che l'iimigrazione selvaggia ed incontrollata è un problema e non lo è da ora, ma L'islam di cui parli Tu è un figlio/prodotto degli Stati Uniti, di Israele, dei Sauditi delle puttanate geopolitiche fatte da almeno mezzo secolo in medio-oriente, den neocapitalismo selvaggio che ci ha avvelenato le menti, ,lo spirito, la Kultur.

    Le religioni abramitiche di cui Tu parli sono alla base della crisi filosofica che ci stà uccidendo da almeno due secoli e sta di ritorno uccidendo anche loro .

    Perchè nè il Cristianesimo, nè l'Ebraismo nè L'Islamismo oggi sono in contatto con le loro rispettive tradizioni ma sono una melma imbastardita dentro l'occidente che a sua volta ha dentro di se' un " dio morto ed in putrefazione che genera solo nichilismo regressista ed assassino.

    Complessità, Complessità, Complessità !!!!
    Torniamo a confrontarci con la complessità se dobbiamo sopravvivere al NULLA.

    RispondiElimina
  4. mmmh..:-) sto bevendo una tisanina....Maximilien non e' importante il mio delirio contro Adinolfi so bene la sua levatura...hai ragione riguardo a quegli intelettuali, ho sbagliato a giudicarli. Solamente che se
    "esiste UNA COMPLESSITA' con la quale occorre confrontarci e non si puo' semplificare come fanno da destra e da sinistra per i loro sporchi interessi elettorali"
    sarebbe giunto il momento di farlo, invece di dire di farlo. Dice: devi comprare le loro pubblicazioni. Ok. :-) A parte loro io pero mi riferivo (in effetti uscendo dal tema di Tassinari) anche a tutta quella classe di camerati che vanno in giro a parlare di spada dell'islam mussoliniana o di SS nazionalsocialiste..proprio ora....che significa? che intendono? mi sa che vogliono solo sentirsi piu acculturati delgi altri...e' una mia impressione...ma non ci si puo alleare con una parte del Sinai per combatterne un altra almeno io non credo si debba.
    E anche quando dici
    " L'islam di cui parli Tu è un figlio/prodotto degli Stati Uniti, di Israele, dei Sauditi delle puttanate geopolitiche fatte da almeno mezzo secolo in medio-oriente, den neocapitalismo selvaggio che ci ha avvelenato le menti,"
    non posso condividerti..l'Islam semina tanta morte anche qui nelle Filippine da dove ti scrivo, o in tutto il pianeta. E' di fatto qualcosa di inconciliabile con noi....oppure fate come i comunisti che dicono sempre: "ah no li siamo stati applicati male quello non e' il vero comunismo"...? L'Islam aggressivo come il sionismo sono farine dello stesso sacco, farine loro, inutile separare l"Islam cattivo" da quello buono, che lo faciano loro, non compete a noi. Non mi interessa fare troppe distinzioni tra Islam buono e cattivo..la raccolta differenziata la lascio volentirei fare a voi. A noi compete schierarci, se dalla parte della sporca Europa, dell'occidente e delle sue bassezze allora lo combatteremo dall'interno, se dalla parte dell'Islam allora le porte per uscire sono aperte cosi come vediamo lo sono quelle per entrare.
    E la frase
    "Perchè nè il Cristianesimo, nè l'Ebraismo nè L'Islamismo oggi sono in contatto con le loro rispettive tradizioni ma sono una melma imbastardita dentro l'occidente che a sua volta ha dentro di se' un " dio morto ed in putrefazione che genera solo nichilismo regressista ed assassino."
    e' bella, ma pure non posso condividerla....non sono nemmeno battezzato e con quelle religioni non ho un capello in comune. Dio comunque non e' morto...e' solo uscito cinque minuti a comprare le sigarette...
    Il Sinai e' merda se introdotto in Europa. Abbiamo gia il cristianesimo che ci devasta da secoli, ed il giudeo....ora c'e chi vuole aggiungere sabbia nel fango e farcelo bere come acqua di torrente. Allora bevete bevete. Ne riparleremo forse

    RispondiElimina
  5. Provo a replicare moderatamente :
    Fasci, svastiche e mezze lune : non è una questione di mode culturali ma sono studi che servono solo a far capire che i Fascismo hanno avuto dalla loro parte il terzo mondo contro le potenza colonizzatori c'e vedere imprigionato che guarda caso sono.le stesse che hanno generato con la loro potuta internazionale astratta , solo casini e drammi.
    L' islam che semina morte lo abbiamo da quando cia e servizi hanno generato dagli anni 70 cellule terroristiche per i loro giochi geopolitica spesso proprio contro i paesi arabi islamici na con governi laici.
    Dio e morto ? Certo che è morto e quello che noi chiamiamo Occidente e' la sua matrice secolarizzazione, basta aver letto ed approfondito Spencer, Junger, Nietzsche e sopratutto Heidegger. Chi parla se potesse ritornerebbe volentieri al Mos Maiorum alla Pietas romana agli Dei.credo che il giorno dell' Editto di Teodosio per noi sia sfogato tanto quanto il giorno il cui Mosè becco il colpo di sole sul Sinai. Ma non e' aprendo una guerra di Civilta e di Religione con una delle tre famiglie monoteiste che risolviamo il problema
    De Benoit parla dell' Impero Interiore.E' questa la dimensione che va riscoperta per rigenerare l' aristocrazia dello spirito che deve ridare un Ordine a Tutto.
    Se avessimo una Nostra Centralita' , L'islam se me accorgerebbe e avrebbe rispetto ed ammirazione e se ne starebbe al suo.posto.

    RispondiElimina
  6. Purtroppo con l'iphone ho generato numeroso errori di battitura.Me ne scuso.

    RispondiElimina

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.