giovedì 8 ottobre 2015

Ballardini intervista Iannone per Playboy e "provoca": CasaPound esiste, la sinistra che fa?

Orrore! Sul numero di Playboy in edicola questo mese c'è la mia intervista a Gianluca Iannone, leader di Casa Pound. Fa parte di una serie di "interviste impossibili" (la prossima sarà a un agente dei nostri servizi segreti) per raccontare quello che la stampa censura. Ovviamente non sono fascista ma per mia etica mi piace cercare di conoscere e di capire le ragioni degli altri. Mai per sentito dire, ma sempre in prima persona. A quelli "de sinistra" che mi criticheranno per questa performance, ricordo che proprio loro sono la causa principale del declino della sinistra e di questo Paese, non avendo saputo proporre nessuna alternativa. E che, mentre Casa Pound esiste, non c'è altrettanto attivismo né produzione di "politica" concreta dall'altra parte. Nemmeno a livello giovanile. La mia provocazione sta tutta qui. Perché spero sempre che da sinistra qualcuno dimostri altrettanta capacità di aggregazione e di movimento ma resto regolarmente deluso. Vi siete lasciati scippare gli ultimi spazi perfino dal Movimento 5 Stelle: ma non vi vergognate?

Così Bruno Ballardini, reduce dal successo del suo volume sull'Isis, presenta la sua ultima fatica editoriale. Fa specie che si debba ancora discutere nel 2015 se, come e perché si possa intervistare il leader riconosciuto di un movimento politico che è libero di presentarsi alle elezioni ... Più di 50 anni un giornalista afroamericano intervistò per Playboy il leader del partito nazista americano. Fu un passaggio decisivo per una carriera sfavillante, dalla stesura dell'autobiografia di Malcom X ai trionfi in libreria e in tv di Radici. Buona fortuna, Bruno ...

1 commento:

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.