mercoledì 18 marzo 2015

CATEGORIA:

L'ex carabiniere Manni si dissocia: ho divulgato un'ideologia aberrante, mi vergogno

Stefano Manni si dissocia. Il quarantottenne ascolano, arrestato lo scorso mese di dicembre con l'accusa di essere a capo di una presunta organizzazione terroristica di matrice fascista, dalla sua cella del carcere dove è rinchiuso, ha scritto di suo pugno una lettera definita da lui stesso una "presa di coscienza e dissociazione". Su due fogli a righe scritte in stampatello, Manni si rivolge "a tutte quelle persone che, in questi mesi hanno avuto modo di conoscere la vicenda giudiziaria" che lo vede coinvolto. "Una vicenda - scrive il quarantottenne ascolano - per la quale provo profonda vergogna". Poi, torna a ripercorrere quelle che sono state le sue azioni nel corso degli ultimi anni e che lo hanno portato dietro le sbarre con l'accusa di aver messo in atto una pericolosa attività eversiva. "Ho per mesi divulgato una ideologia aberrante - si legge nella lettera - fondata sugli ideali fascisti, del disciolto movimento politico Ordine nuovo, sulla soppressione della libertà tutelata dalla Costituzione, minacciando di usare violenza quale via di lotta politica (violenza nel concreto mai usata e che mai avrei usato), divulgando ideali razzisti". Ma, di contro, Stefano Manni sostiene di non aver mai voluto in alcun modo che quanto sostenuto si traducesse in azioni concrete. "Mi sono sempre adoperato affinché non venisse mai commessa alcuna azione concreta, ancorché banale, riuscendoci appieno. Ciò perché mai convinto intimamente di tale aberrante ideologia". Una lunga premessa per arrivare a sostenere quelle che sono le sue intenzione e che ha avuto modo di maturare in quasi tre me si di detenzione. "Da tale pensiero e da tale ideologia, fascista ed ordinovista, mi dissocio in modo fermo e deciso così come mi - in egual misura - mi dissocio da tutti coloro che hanno assunto e assumono, hanno condiviso e condividono tali posizioni, abbandonando tutti coloro che in tale deleteria ideologia si riconoscono". Prima di concludere, Manni scrive di essere convinto che non è seguendo "pericolose derive antidemocratiche" che si risolvono i problemi della nazione e, per questo motivo, esorta tutti a rifuggire le "ideologie lontane dalla legalità, dal rispetto della costituzione" ed anche a ripudiare "la violenza come forma di lotta politica e sociale, che non porta e non porterà alcun beneficio". 

FONTE: Corriere Adriatico

1 commento:

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.