venerdì 20 febbraio 2015

Ancora a proposito di Freda, Izzo e di una bufala sulla stagione delle stragi mafiose

Dalla pagina facebook Years of Lead
CHIARIMENTI SU IZZO-FREDA e STRAGE DEI GEORGOFILI a seguito dell'articolo gentilmente ospitato da Ugo Maria Tassinari su Fascinazione.
Un altro protagonista delle vicende della destra italiana e con un passato di militanza a San Babila con una telefonata condivide il suo punto di vista sull’uso dei pentiti in Italia.
“Quando Ferri e Freda erano detenuti per il Fronte Nazionale, o meglio quando erano agli arresti domiciliary, sono stati interrogati dalla digos perché il solito pentito (non sappiamo nemmeno chi sia) aveva riferito che Freda e Ferri e quindi il Fronte Nazionale erano i responsabili della strage in via dei Georgofili a Firenze. Capisci a che punto siamo arrivati con la gestione dei pentiti? Naturalmente poi la cosa non ha avuto alcun seguito. Per quanto riguarda i pentiti potrei scrivere un volume sulle loro menzogne”. Il medesimo fa inoltre notare le sue forti perplessita’ che sia stato Freda a “sdoganare” Izzo. E afferma: “Non e’ mio costume intervenire in conversazioni pubbliche, ma ho letto la vosta convesrazione in facebbok relativa a questo problema dello sdoganamento di Izzo e avevo dei grossi dubbi, perché ricordavo bene chi, invece, davanti a me, inneggiava a Izzo in quanto capace di accelerare il kali-yuga. Tesi delirante che mi aveva fatto reagire violentemente”.
Freda, alla notizia secondo la quale sua sarebbe la responsabilità dello “sdoganamento”, si è fatto una crassa risata e quando gli e’ stato fatto notare che lui avrebbe sostenuto che Izzo era al di là del bene e del male, ovvero in pieno nichilismo, ha risposto che allora lui diceva, invece e non a torto, che era molto al di qua del bene e del male.
Nicola Guerra
-----
In realtà nulla è più inedito della carta stampata
Dal capitolo 27 di Fascisteria (2011, 1a ed.)
La scelta degli zingari come bersaglio rispecchia la “scala di intolleranza” degli ita­liani (che vede al primo posto nomadi e drogati) e rivela per altro un attento lavorio di intelligence: a dicembre, infatti, si sono compiuti e forma­lizzati due di­stinti processi di aggregazione nell’ala più xe­nofoba e ra­dicale dell’e­strema destra politica. Da un lato il Veneto Front Skinhead, i milanesi di Azione Skinhead e i ro­mani di Mo­vimento politico hanno dato vita all’associazione Skinhead d’Italia. Dal­l’al­tro Freda, in­sieme a 49 fedelissimi, ha fondato il Fronte nazionale, col dichiarato scopo di perseguire la “cacciata degli allogeni”. Le due formazioni – per le teste pensanti della nuova campagna terroristica – po­treb­bero costituire un ottimo catalizzatore: e infatti i frequenti episodi di vio­lenza raz­ziale saranno sistematicamente attribuiti al movi­mento skin an­che se solo in qualche occasione è effettivamente opera di militanti neofasci­sti. Sulla spen­dibi­lità del nome di Freda – e del suo braccio destro Cesare Ferri, perseguito per anni come autore della strage di Brescia – come ispiratore di una nuova sta­gione terroristica, qualche vecchia volpe dei ser­vizi segreti deve averci fatto un pensierino. Un paio di anni dopo, mentre infuria la nuova stagione dello stragi­smo (da via Fauro a via Palestro), c’è un tentativo grottesco di accollare al­l’ideologo nero – arrestato per le atti­vità del Fronte nazionale – la responsabi­lità dell’ultima strage: uno spaccia­tore di eroina, de­tenuto come Freda nel carcere di Vicenza, racconta ai giudici di aver ricevuto confi­denze dal leader neofasci­sta. Avrebbe orga­nizzato lui l’attentato contro il Padiglione di arte contemporanea a Milano (cinque morti nella notte tra il 27 e il 28 luglio 1993). La cosa si rivela ben presto una colossale bu­fala. Il detenuto non ha mai incontrato Freda, che gli spacciatori li manderebbe nei lager. Il leader del Fronte nazionale non intende compromettersi di nuovo coi “giochi di guerra”. È già stato bruciato in gioventù dal­l’intelli­genza luciferina: l’ambizione di piegare i servizi segreti (con cui per qual­che anno ha fornicato) al proprio progetto politico gli è costata 12 anni di carcere. Eppure Freda ha continuato a difendere pub­blicamente quella scelta politicamente suicida (e sudicia, sottolineano i mili­tanti della suc­cessiva genera­zione dello spontanei­smo armato), confermando “il convin­cimento che il Giannettini, del cui idealismo non ho mai dubitato, si proponesse di persuadere settori al vertice delle forze armate italiane delle sue tesi geo­poitiche (anti–NATO e filorusse) e che per que­sto, per avere periodici con­tatti con loro come ‘consigliere’ politico non richie­sto recitasse la parte dell’informatore” “Al contra­rio – osserverà Prov­visionato – furono i servizi segreti a “mettere il cap­pello” sul partito del golpe che, pur re­stando al suo interno diviso tra un’ala oltran­zista e l’altra meno in­transi­gente, diventerà da quel momento lo strumento privilegiato per ogni azione in­nominabile che avverrà in Italia. Proprio a cominciare dalla strage di piazza Fontana”Di quell’errore di gioventù Freda porta un segno nelle carni: le ferite subite in un’ag­gressione nel carcere di Novara.

6 commenti:

  1. Grazie; se non sbaglio Guerra e' quello de "Le SS Italiane" o giu' di li' di cui possiedo il pdf, mi interesserebbe molto avere un "insight" nei rapporti tra Izzo e il cd. "neofascismo" ma non trovo molto a parte i preziosi riferimenti su questo blog.
    Volevo anche chiedere se possibile avere una copia di Fascinazione oltre manica
    te ne sarei grato

    RispondiElimina
  2. Di Fascisteria? Contattami in pvt all'email di contatto del blog

    RispondiElimina
  3. Non per difendere Freda - che non ha bisogno di alcun avvocato difensore - ma giusto per ri-stabilire la verità "storica" sullo "sdoganamento" di Izzo, nell'area dell'estrema destra: i "brillanti artefici" di quella "operazione" furono un gruppetto Detenuti Politici che iniziarono a scrivere su Quex, la rivista (sic!) che aveva la pretesa di porsi, all'interno, e fuori dal carcere, come una sorta di "manifesto rivoluzionario" diretto ai simpatizzanti di estrema destra. E quando qualcuno, anch'egli in carcere, gli fece notare che il "camerata Izzo", come lo definivano Loro, non aveva niente di "eroico" e di "guerriero" se non il solo fatto di essere un povero Psicopatico malato (... come poi dimostrato dal suo splendido "percorso rivoluzionario"....) e che non si capiva cosa mai Izzo avesse a che fare con Noi... gli fu risposto di "... farsi la sua inutile galera...". La Storia, ahimè, ci ha dato ragione... e molti, troppi, in seguito, hanno raccolto i "frutti" ( leggi: mandati di cattura) di quella splendida operazione "rivoluzionaria"...
    PS: Il tipo che si è fatto "la sua inutile galera" sta ancora aspettando di incontrare il "genio" che pronunciò quelle parole... per ingraziarlo di persona.

    RispondiElimina
  4. Ringrazio Enrico Caruso e gli do il benvenuto tra i lettori di Fascinazione. La sua testimonianza conferma infatti la mia ipotesi: essere stato Freda l'unico, con Concutelli, a prendere le distanze da quella autentica fetenzia umana che era Izzo.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie per il benvenuto e confermo in pieno la tua "ipotesi" confermata dalla mia testimonianza, anche per Concutelli...

      Elimina

Seguimi su Facebook

FOLLOWERS

Credits

Scrivi al Webmaster
Tuo Nome

Tua Email

Messaggio:

ad AC

Seguimi su Twitter

Ci seguono da...

Copyright © 2014 FascinAzione. Sito web: Antonio Cacace . Responsabile Sito web: Ugo Maria Tassinari . Contatti: umtfacetwitter@gmail.com
Il Blog sulla Fasciteria di Ugo Maria Tassinari.